Dalla dieta dei popoli mediterranei alla Dieta Mediterranea

Tempo di lettura: 1 minuto

Lorenzo Piroddi (1911 – 1999), studioso ligure attivo dalla prima metà del ‘900, studiò la connessione tra e del ricambio, e fu uno dei primi nutrizionisti ad elaborare una dieta per i suoi pazienti che limitava il di grassi animali e privilegiava quelli vegetali. Piroddi studiò Il potenziale curativo di una dieta con tali caratteristiche, gettando le basi per il riconoscimento di una come insieme di abitudini alimentari a sé stanti.

Ma fu Ancel Keys (1904 – 2004), biologo e fisiologo statunitense, grazie ai suoi studi sulle abitudini alimentari delle popolazioni dell’Italia meridionale, che fissò nell’immaginario collettivo la locuzione Dieta Mediterranea, dandole dignità scientifica e culturale. Keys approfondì in particolare la relazione fra l’ e le , e durante la sua residenza a Pioppi, frazione di Pollica, comune del Cilento, studiò sul campo gli effetti della dieta locale sulla salute della .

Gli studi di Keys evidenziano come il mix di abitudini alimentari della popolazione locale potesse essere codificato appunto come Dieta Mediterranea, avendo caratteristiche simili alle diete degli altri popoli mediterranei, ma soprattutto Keys concluse che tali abitudini avevano un effetto benefico sulla salute assente in altre diete regionali del mondo occidentale.

Fonte: fondazionedietamediterranea.it