Daimler, Dai richiami al Coronavirus una quasi debacle

Tempo di lettura: 2 minuti

, l’emblema dell’auto tedesca – ed europea – nel mondo inizia a subire dei problemi a livello finanziario, non dobbiamo solo guardare le auto stesse, il risultato di eccellenza e creatività che provengono dal passato.

Quel passato, infatti, che getta anche molte ombre sul futuro. Se osservate gli ultimi 5 anni di Daimler, ad esempio, noterete che un titolo valeva quasi 100 dollari nel 2015, mentre oggi vale meno di 40.

Il calo rispetto all’inizio dell’anno è ora quasi il 25%, tutto in un giorno, dove viene registrato ancora un altro -4%. Una spruzzata importante, quindi, le cui cause sono di vario genere.

Il non è tutto, ma è la cartina di tornasole che ti consente di misurare la solidità del gruppo e la bontà dei piani di sviluppo.

Nel mezzo di una rivoluzione, questi aspetti sono fondamentali per comprendere le strategie future e soppesare i problemi ereditati dal passato.

Problemi che negli ultimi mesi emergono nella casa di su vari fronti.

Il è il calo che trabocca la nave, bloccando l’ a livello globale sia in termini di domanda che nella catena di approvvigionamento. Rallentamento della produzione, domanda sgonfia, ritmi rallentati, obiettivi di vendita ormai spariti. Il crollo del mercato azionario da 45 a 37 ha luogo entro una settimana, sulla scia di mercati che solo negli ultimi giorni hanno fotografato esattamente ciò che sarebbe successo a livello globale.

In questi giorni è emersa la possibilità che il per la casa tedesca non sia ancora completamente finita. Piuttosto. Le autorità potrebbero aver scoperto nuove prove, potenzialmente raggiungendo nuovi modelli di contestazione e costringendo a una probabile espansione del primo richiamo (e come conseguenza di nuove sanzioni).

Il gruppo avrebbe quindi previsto un ulteriore deficit di 7 miliardi di euro, aumentando così il conto Dieselgate da 23 a 30 miliardi di euro .

Questo è quanto pesano le ombre del passato sul futuro: cosa si sarebbe potuto fare in termini di con una quantità simile disponibile?

Le auto appartenenti a queste linee, cioé E e CLS, quando distribuite tra il 2015 e il 2019, sono soggette a un nuovo richiamo coordinato con l’autorità di tedesca.

La causa potrebbe essere un rischio di incendio che coinvolge quasi 300.000 in tutto il mondo, un terzo dei quali si trovano in Germania.

Per tutti, vengono attivati ​​il ​​controllo forzato e la chiamata all’officina per i controlli e gli interventi appropriati.

L’assemblea annuale degli azionisti si svolgerà il 1 ° aprile, un evento di enorme importanza in questa specifica situazione.

Il gruppo ha in mano un primo piano di rilancio che si concentrerà fortemente sulla digitalizzazione, l’elettrificazione, la sostenibilità e la riprogrammazione dei processi produttivi. Pesa sul bilancio scelte come elettrificare la Smart, senza lasciare almeno una con motori standard; costruire vetture super lussuose che un domani probabilmente avranno poco futuro; cambiare la classe A, un buco enorme nel bilancio da quando ha lasciato la vecchia versione; le migliaia di clienti inascoltati sui problemi riscontrati nelle vetture ed altro ancora.

Non è più il momento di galleggiare, perché la lunga ondata di innovazione da parte della , Tesla in primis, sta arrivando e potrebbe sopraffare coloro che non hanno remato abbastanza.

Motorpress – Michel Winkler