Daimler cerca di vendere la Smart factory in Francia

Tempo di lettura: 1 minuto

Daimler cercherà di vendere la sua fabbrica ad Hambach, in Francia, mentre la persegue una ristrutturazione più profonda del previsto per superare le ricadute della pandemia di coronavirus.

Daimler, proprietario dei marchi e , aveva utilizzato la fabbrica Hambach per produrre varianti elettriche e a combustione dei suoi veicoli a due posti, realizzando oltre 80.000 auto nel 2017.

La mossa si tradurrà in un effetto una tantum negativo di circa 500 milioni di euro (562 milioni di dollari) nel secondo trimestre, ha dichiarato la società in un .

“Gli effetti della pandemia di sull’economia stanno creando nuove condizioni quadro”, ha dichiarato il CEO di Daimler Ola Kallenius nel comunicato. “In questo contesto stiamo ottimizzando la nostra rete di produzione globale”.

La produzione della Smart si trasferirà in Cina dalla Francia dopo che Daimler lo scorso anno ha dichiarato che costruirà la sua prossima generazione di Smart attraverso una joint venture con Geely .

La mossa per vendere il sito di Hambach arriva quando l’ si trova ad affrontare l’eccesso di capacità e il calo della domanda di nuove auto in .

Lo stabilimento ha aperto il 1997 e conta circa 1.600 dipendenti.

Nel 2018, Daimler dichiarò che avrebbe investito 500 milioni di euro in Hambach per produrre un’ compatta per il nuovo sottomarino elettrico EQ insieme alla versione a batteria della .

Kallenius all’inizio di questa settimana ha avvertito che dovrà perseguire una ristrutturazione più dolorosa a causa delle ricadute del coronavirus.

Ha detto che sta pianificando tagli drastici “salariali” in aggiunta a un piano esistente, annunciato a novembre, che prevede l’eliminazione di oltre 10.000 posizioni.

Bloomberg ed Europe Auto News hanno contribuito a questo rapporto