Tempo di lettura: 2 minuti

(in giapponese: ごま塩 da ごま, goma, semi di sesamo e 塩 shio, sale) è un prodotto utilizzato nella e composto da sale marino e semi di sesamo tostati e tritati, a volte arricchito con alghe. Nella cucina giapponese è utilizzato talvolta sul riso lessato o sugli onigiri. Nella cucina orientale il gomasio viene utilizzato come condimento per insalate o salse.

Il sesamo va tostato a fuoco lento in una padella per non bruciarlo. Quando i chicchi di sesamo si sfarinano tra le dita è pronto e può essere messo da parte. Successivamente si tosta anche il sale, fino a che i grani non si scuriscono un poco e, dopo, averlo tostato si può procedere a pestare il tutto assieme. Le proporzioni tra sesamo e sale possono variare, solitamente si utilizza una proporzione di sesamo/sale di 7:1 fino a 10:1. [1]

Ormai questo mix lo possiamo trovare anche al supermercato, ma chi avesse voglia di provarlo è di facile preparazione anche a casa.

INGREDIENTI

sale marino grosso integrale

semi di sesamo

Le proporzioni tra sale e sesamo variano da 1 : 7 a 1:20 (unità di misura il cucchiaio).

Lavare il sesamo e farlo asciugare poi tostarlo facendo attenzione a non farlo fumare(abbrustolire) per non far liberare il sesamolo sostanza tossica.

Quindi una tostatura leggera in padella o in forno (100° per 10-15 min) stando sempre attenti a non farlo bruciare ma solo indorare leggermente

Pestare con un pestello o con il macinino del caffè e il sale grosso integrale e il sesamo tostato, per gli appassionati dell’oriente potete munirvi del suribachi e surikogi (pestello e ciotola giapponesi).

Per chi vuole si può aggiungere una polveri di alghe tra cui la Kombu, la Wakame o la Nori, o perchè no un mix. Conservare in frigo per una settimana per cui non eccedete nella preparazione. [2]

Fonti
[1] Wikipedia
[2] Dr.ssa Irene Granucci – Biologa Nutrizionista