Cos’è la salute digitale?

Tempo di lettura: 1 minuto

La digitale è un concetto semplice – utilizza la tecnologia per aiutare a migliorare la e il benessere delle persone. Può coprire qualsiasi cosa, dai gadget indossabili ai sensori ingeribili, dalle app mobili per la all’, dai caregiver robotici ai record elettronici. In realtà si tratta di applicare la trasformazione digitale, attraverso dirompenti e cambiamenti culturali, al settore sanitario.

Gli obiettivi del settore sono diversi e complicati: prevenire le malattie, aiutare i pazienti a monitorare e gestire le condizioni croniche, ridurre i costi delle prestazioni sanitarie e rendere la medicina più adatta alle esigenze individuali.

Raccogliendo più dati sui marker di salute, dal livello di attività alla , si spera che la salute digitale consentirà alle persone di migliorare il proprio stile di vita e mantenere una buona salute più a lungo, e quindi hanno bisogno di meno visite al proprio medico.

Gli strumenti sanitari digitali potrebbero anche aiutare a identificare nuove malattie o il peggioramento di quelle esistenti.

La salute digitale potrebbe aiutare a migliorare la , ma potrebbe anche ridurre il costo totale dell’ di una persona nel corso della sua vita, tagliando le bollette per i fornitori e i pazienti.

In Italia il mercato delle imprese del settore è rivolto per il 66% verso il Servizio sanitario nazionale e rappresenta il 7,4% della spesa totale, che corrisponde a circa 190 € pro-capite, valore inferiore alla media dei principali paesi europei.

Sono 2.100 le imprese di produzione presenti nel nostro Paese, che insieme alle 1.655 aziende di distribuzione e alle 202 di servizi producono o distribuiscono circa 1,5 milioni di .

L’area nord è la più rappresentativa del settore con la maggiore concentrazione di imprese e di fatturato. A Mirandola in Emilia-Romagna si trova il più grande polo biomedicale d’Europa.

Fonte : Med