Corpo umano, un grande numero di minerali e tracce di metalli

Tempo di lettura: 5 minuti

Nel sono presenti un grande numero di minerali e tracce di metalli. Alcuni di questi formano una parte dei componenti strutturali corporei e altri agiscono come agenti in molte reazioni corporee.

Le ossa e lo scheletro sono costituiti in larga parte di Calcio Fosforo e Magnesio e il Ferro è un componente presente nel .

Minerali come lo Zinco, il Molibdeno, il Rame, il Manganese e il Magnesio sono parti strutturali eppure hanno un ruolo nella attivazione di molti sistemi enzimatici.

Lo Iodio è un componente basilare dell’ormone Tiroxina.

Il Sodio e il Potassio sono importanti elementi presenti nei fluidi all’interno e all’esterno delle cellule e assieme agli ioni quali il Cloride, Bicarbonato e Carbonato mantengono bilanciato il rapporto acido/base nell’.

Nel caso di bambini in fase di crescita, l’assunzione di parecchi minerali è essenziale per assicurare una adeguata crescita dei tessuti.

Il Calcio è un elemento essenziale per parecchi processi vitali.

Il Calcio, come un componente strutturale, è richiesto per la formazione e per il mantenimento dell’apparato scheletrico e dei denti.

Esso è anche richiesto per un numero elevato di processi essenziali.

Il Calcio è necessario per la contrazione dei muscoli per fare muovere il diaframma, per la contrazione del cuore, per l’attività del sistema nervoso e per il tessuto sanguigno.

Il Calcio si trova in abbondanza nel regno animale e in quello vegetale.

La più ricca fonte di calcio tra gli alimenti di origine animale è il latte, il burro, il latte scremato e il formaggio.

Tra gli alimenti di origine vegetale ricchi di calcio ci sono le a foglia verde e tra i tuberi troviamo la tapioca e molti altri.

Gran parte dei cereali contengono del Calcio e il riso ne contiene in quantità insufficienti per potere essere considerato parte importante della dieta.

I giovani hanno un maggiore fabbisogno di Calcio rispetto agli adulti in conseguenza della maggiore richiesta di questo minerale per l’accrescimento delle ossa.

Il Calcio è particolarmente importante durante la gravidanza e durante l’allattamento periodo in cui questo minerale è particolarmente richiesto per la crescita del feto/neonato.

Un latte materno per un neonato di tre mesi fornisce un grande quantitativo di Calcio attraverso il latte/sangue materno.

Una dieta con abbondante assunzione di latte e verdura verde è raccomandata durante questo particolare periodo.

Un altro importante elemento nel corpo umano molto simile come importanza al Calcio è il Fosforo.

L’utilizzazione del Calcio è strettamente agganciata al quella del Fosforo poiché gran parte del calcio corporeo è depositato, nelle ossa e nei denti, sotto forma di Fosfato di Calcio.

Le più ricche fonti di Fosforo nella nostra dieta sono i cereali, noccioline e semi da olio.

Il Ferro è l’elemento essenziale per la formazione della emoglobina dei globuli rossi e ha un ruolo fondamentale per il trasporto dell’ossigeno.

Anche i tessuti richiedono il Ferro per svariati processi ossidativi.

Gran parte del Ferro nel corpo è riutilizzato e si trova immagazzinato nel fegato e nella milza.

La quantità di Ferro necessaria nella dieta quotidiana è piuttosto piccola ovvero da 1 a 3 mg dipendentemente dal e dalle condizioni fisiologiche della persona.

Poiché c’è una limitata capacità di assorbire il Ferro della dieta, questa dovrà contenere da 10 a 25 unità di Ferro richieste giornalmente.

La dieta differisce enormemente per la biodisponibilià del Ferro in essa incluso.

Le fonti ricche di Ferro sono i cereali, il miglio, i legumi e i vegetali a foglia verde.

Il latte, sebbene sia una buona fonte di parecchi nutrienti, non fornisce molto Ferro.

Forme medicinali di Ferro sotto forma di Sali ferrosi devono essere assunti per correggere l’anemia.

Il Sodio (Na) e il Potassio (K) sono dei componenti importanti dei fluidi all’interno e all’esterno delle cellule.

Una concentrazione appropriata di questi elettroliti all’interno e all’esterno delle cellule è essenziale per mantenere il bilancio osmotico e per mantenete in buono stato le cellule.

Il Sodio e il Potassio sono presenti in tutti i cibi particolarmente nella frutta e nella verdura.

Il Potassio è presente nelle piante in quantità superiore a quella del Sodio di un fattore 10-50 e perciò le piante sono la più ricca fonte di Potassio.

Non è conosciuto l’esatto fabbisogno di Potassio ma, probabilmente la quantità presente nella dieta vegetariana è sufficiente al fabbisogno.

Il Sodio è espulso dal corpo attraverso le urine e attraverso la sudorazione sotto forma di Cloruro di Sodio.

Il Sodio presente nei cibi non è adeguato al fabbisogno e perciò il sale deve essere incluso nella dieta.

Nel nostro paese l’assunzione di sale è mediamente di 15 grammi per una persona adulta.

Considerando l’associazione sale–ipertensione sarebbe auspicabile che l’apporto di sale nella dieta fosse ridotto a 8-10 grammi/giorno.

Le persone che sono soggette a una forte sudorazione o che lavorano in particolari situazioni climatiche l’assunzione di sale deve essere, necessariamente, maggiore.

Il Magnesio è presente in piccole concentrazioni in tutte le cellule ed è richiesto per il metabolismo cellulare ed è anche presente nelle ossa associato al Calcio.

Il Magnesio condivide molte proprietà con il Calcio come l’assorbimento e il metabolismo e la sua distribuzione nei tessuti.

Il Magnesio è anche implicato nelle malattie cardiocircolatorie.

I vegetali a foglia verde sono molto ricchi di Magnesio e le diete basate su cereali, legumi e vegetali sono un buon metodo per assumerlo.

Tracce di Metalli

La medica è a conoscenza del fatto che sono necessarie tracce di elementi per un largo numero di funzioni corporee.

Alcune delle più importanti tracce di elementi rilevanti nella nutrizione umana sono Zinco, selenio, Cobalto, Fluoro, Manganese, Cromo, Iodio e Molibdeno.

Altre tracce di elementi sono Arsenico, Nichel, Vanadio e Silicio.

Le malattie causate dalla insufficiente assunzione di Iodio sono diffuse in tutto il mondo e si stima in 120-150 milioni il numero di persone che soffrono da malattie correlate alla sua insufficienza.

La carenza di Iodio è caratterizzata da gonfiore della ghiandola tiroidea nel collo.

L’insufficiente apporto di Iodio nello stadio fetale può causare un ritardo mentale e un ritardo nella crescita.

Il fabbisogno di Iodio giornaliero è stimato in 100-150 ug.

Uno dei metodi collaudati per tenere sotto controllo il problema causato dalla deficienza di Iodio nella dieta della popolazione è quello di distribuire il Sale Iodato alla popolazione affetta da patologia correlata all’insufficiente assunzione.

Il Rame è un elemento essenziale per l’uomo e ha un ruolo importante nell’assorbimento del Ferro.

Disturbi del sistema nervoso centrale possono essere riconducibili alla insufficiente presenza di questo metallo.

Il Cromo è essenziale per gli animali e probabilmente anche per l’uomo.

La deficienza di Cromo può condurre ad una intolleranza al glucosio.

Il Cromo contenuto nella dieta della popolazione indiana è di 70-150 ug/giorno.

Il Manganese è anch’esso definito come un elemento essenziale poichè partecipa ad un certo numero di reazioni.

Esso partecipa al metabolismo dei grassi e dei e la sua mancanza può condurre ad una anormale mineralizzazione dello scheletro.

Il contenuto di Manganese nella dieta consumata in India varia da 4 a 10 mg/giorno.

L’assorbimento di Manganese per questo tipo di dieta varia tra il 15 e il 20%.

Sorprendentemente i gruppi di diete povere hanno un migliore assorbimento di Manganese rispetto a quelle più abbondanti.

Le ragioni che spiegano queste differenze sono ancora sconosciute.

Gli studi stimano il fabbisogno di Manganese nella dieta umana di 5 mg/giorno.

Gran parte delle diete sono in grado di assicurare questo apporto perciò è raro che vi sia una deficienza di Manganese nella dieta della popolazione.

Un eccesso di Manganese è tossico e ciò si può riscontrare nelle miniere dove viene estratto questo metallo e nelle industrie che lo lavorano.

Il Fluoro è anch’esso un importante elemento per la dell’uomo.

Esso è un elemento essenziale che viene richiesto in minime quantità per la prevenzione delle carie dentarie.

La presenza del Fluoro in concentrazioni elevate nell’ambiente, particolarmente nell’acqua, (>2-3 ppm) può causare la Fluorosi con un indurimento delle ossa.

Le carie dentali possono essere causate da una eccessiva assunzione di tra i bambini quindi la buona pratica di spazzolare i denti e il risciacquo della bocca deve essere raccomandata per ridurre il rischio di carie.

Si stima che solo con il cibo noi assumiamo circa 0.3-0.8 mg di Fluoro.

Il Selenio è un elemento essenziale e assieme alla Vitamina E è richiesto per assicurare l’integrità del fegato e una insufficiente assunzione può portare alla necrosi di questo organo.

La mancanza di Selenio è anche associata a fattori di rischio nel cancro.

Fonte
nonidieta.webs.com