Coronavirus: la Cina vieta il consumo di animali selvatici

Tempo di lettura: 1 minuto

Il governo cinese ha ufficialmente vietato il e il consumo di animali selvatici, nei loro sforzi in corso contro l’ di COVID-19, che ha preso il controllo del mondo dall’inizio del 2020.

È indiscutibile che la sia stata il primo per l’allevamento e il commercio di animali selvatici.

Si stima addirittura che il commercio di animali selvatici sia un’ da svariati miliardi di dollari.

Secondo il South China Morning Post, un rapporto sponsorizzato dal governo pubblicato dalla Chinese Academy of Engineering ha scoperto che l’industria cinese del commercio e del consumo di animali selvatici è valutata in 74 miliardi di dollari (520 miliardi di yuan) e impiega oltre 14 milioni di persone in tutta la nazione.

Oltre la metà di questi dipendenti lavora nel settore della pelletteria e della pelle, stimato in 55 miliardi di dollari (390 miliardi di yuan), mentre l’altra metà lavora in allevamenti o impianti di trasformazione.

Lunedì 24 febbraio, il principale organo legislativo cinese, il Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo, ha gettato le basi per modificare la legge cinese sulla della con l’obiettivo di criminalizzare permanentemente il consumo di animali selvatici e il commercio di animali selvatici.

Il nuovo divieto è entrato in vigore immediatamente. Sebbene la Cina abbia leggi esistenti in materia di protezione e conservazione della fauna selvatica, è piena di scappatoie poiché il consumo di animali selvatici e l’allevamento in cattività sono stati consentiti a fini commerciali.

Resta da vedere quanto durerà questo divieto, in quanto durante l’epidemia di Sindrome respiratoria acuta grave (SARS) nei primi anni 2000, anche la Cina ha tenuto un divieto simile per poi venire sospeso. Il risultato è il .

Fonte : ghanaweb.com