[Coronavirus Fake News] Come evitare di incappare in false notizie

Tempo di lettura: 1 minuto

In questi giorni stanno girando su internet notizie ed anche comunicati, non veritieri, su come ‘prevenire’ il virus. Uno fra questi è stato anche pubblicato e poi tolto, senza alcuna precisazione di errata pubblicazione, da un noto sito web facente parte un’associazione sui tumori.

Ci sono peraltro anche siti web italiani come ad esempio ‘newnotizie’ che riportano pezzi presi di quà e di là da altri siti web, senza però aver la più pallida idea di quanto pubblicano, diventando loro stessi dei diffusori di notizie parziali ed anche scarsamente verificate.

Come possiamo porteggerci da siti farlocchi che ripropongono notizie non verificate in varie fonti storiche?

Prima di tutto non soffermatevi alle fonti che conoscete, compreso la nostra, e verificate sui motori di ricerca se quella notizia ha più fonti e chi sono.

Le testate giornalistiche serie di consueto, quando trattano argomenti tematici, in particolare salute, come in questi casi, inseriscono in fondo la o le fonti, salvo esse sono riservate pertanto viene esplicitamente scritto.

In ogni articolo, salvo il contrario, dovrebbero esserci anche le indicazioni dove leggere/consultare ulteriori ed eventuali approfondimenti.

Fate attenzione ai titoli sensazionalistici, ovvero d’effetto. E’ il primo segnale che la notizia potrebbe non essere del tutto vera. Infatti, per deontologia professionale, i giornalisti dovrebbero attenersi ad un comportamento di ‘non allarmismo’, evitando pertanto il ‘panico’ nelle persone.

Ovviamente ci sono casi in cui necessita dare una notizia, del tipo ‘Alert’ ma di consueto dovrebbe trattarsi di ‘immediata emergenza’ sulla quale gli organi competenti ne chiedono, ovviamente, diffusione urgente.

Fate anche attenzione agli aggregatori di notizie, alcuni sono effettivamente buone fonti, altre raccattano anche la melma pur di fare traffico, anche a discapito di una seria divulgazione dell’informazione.