Coronavirus. Epidemia non si ferma. Ancora troppa gente a giro.

Tempo di lettura: 1 minuto

Questi i dati principali dell’aggiornamento forniti dal capo della , Angelo Borrelli durante il punto stampa delle ore 18 di ieri 15 Marzo 2020.

Ad oggi il numero di persone tuttora positivi (esclusi deceduti e guariti) nelle singole Regioni risulta il seguente: 10.043 i malati in Lombardia (+984 rispetto a ieri), 2.741 in Emilia Romagna (+392), 1.989 in Veneto (+214), 1.030 in Piemonte (+216), 1.087 nelle Marche (+224), 296 in Campania (+53), 493 in Liguria (+109), 763 in Toscana (+149), 396 nel Lazio (+68), 316 in Friuli Venezia Giulia (+45), 179 in Sicilia (+29), 212 in Puglia (+56), 128 in Abruzzo (+22), 367 nella Pa di Trento (+168), 17 in Molise, 139 in Umbria (+36), 199 in provincia di Bolzano (+29), 66 in Calabria (+7), 75 in Sardegna (+28), 56 in Valle d’Aosta (+15) e 11 in Basilicata (+1).

Le vittime sono 1.218 in Lombardia (252 in più di ieri), 284 in Emilia Romagna (+43), 63 in Veneto (+8), 46 nelle Marche (+10), 81 in Piemonte (+22), 33 in Liguria (+6), 16 nel Lazio (+3), 14 in Friuli Venezia Giulia (+1), 3 in Abruzzo (+1), 8 in Toscana (+3), 9 in Campania (+3), 1 in Valle d’Aosta, 6 nella Pa di Trento (+4), 5 nella Pa di Bolzano (+2), 2 in Sicilia, 2 in Sardegna (+1), 1 in Umbria e 16 in Puglia (+8).

Delle persone attualmente positive (20.603) sono ricoverate con sintomi 9.663 (+1.291), 1.672 (+154) sono in , mentre 9.268 (+1.408) si trovano in isolamento domiciliare.

“Faccio un richiamo alle regole: bisogna uscire soltanto per esigenze lavorative, e spesa. Bisogna limitare al massimo i viaggi e le uscite fuori dalle abitazioni”, ha detto il capo della Protezione Civile, Borrelli che ha poi comunicato come sono state distribuite 11 mln di mascherine.

In ogni caso, ha precisato che “Non c’è un posto in Italia e in Europa in cui uno si possa rifugiare” per evitare il contagio da . “l’unico modo per vincere questa battaglia è comportarci come stiamo facendo”.

Fonte : Protezione Civile