Corea Sud, 500 casi di coronavirus provengono da chiesa Shincheonji

Tempo di lettura: 2 minuti

Una apocalittica il cui leader afferma di essere un angelo di Gesù è diventato il più grande gruppo di infezioni da in , che ora guida il mondo in caso di malattia COVID-19 al di fuori della Cina.

Il presidente Moon Jae-in ha messo il suo paese in stato di massima allerta per le malattie infettive, ordinando ai funzionari di adottare misure “senza precedenti e potenti” per combattere un impennata virale impennata che conta 1.100 casi e 11 morti, per lo più legati a una congregazione e un ospedale.

Più di 400 di quelli infetti sono stati direttamente collegati a una singola casa di culto, un ramo Daegu della chiesa di Gesù Shincheonji, Tempio del Tabernacolo della Testimonianza – visto come un culto dalle principali organizzazioni cristiane coreane.

A livello nazionale, i Korea Centers for Disease Control and Prevention (KCDC) hanno attribuito 501 dei 977 casi (a partire dall’ultima ripartizione del 25 febbraio) ai membri di Shincheonji.

I funzionari stanno anche studiando un possibile legame tra i fedeli e il picco di infezioni nell’ospedale di Cheongdo, dove finora sono state contagiate più di 100 persone, per lo più pazienti in un reparto di malattie mentali.

Funzionari sanitari stavano sottoponendo a circa 9.300 seguaci della chiesa e dissero che 1.261 di loro avevano mostrato tosse e altri sintomi.

Shincheonji ha fornito un elenco di 212.000 membri che il governo ha promesso di sottoporre a screening per i sintomi respiratori, ha riferito l’ Yonhap.

Tra questi, quattro avevano viaggiato all’estero negli ultimi mesi, incluso uno in Cina, anche se quel viaggio è arrivato all’inizio di gennaio e non era vicino a Hubei.

Più di 1.000 chiese e altre strutture gestite da Shincheonji in Corea del Sud sono state chiuse e ai membri ed è stato detto di guardare i servizi su video. Gli insegnamenti della setta ruotano in gran parte intorno al Libro dell’Apocalisse.

Fonte : christianitytoday.com