Corea, Museo Nazionale: In mostra scultura di Gwaneum

Tempo di lettura: 1 minuto

Una scultura di Gwaneum del XIII secolo, un tempo esposta in un tempio buddista in Corea, è ora al centro della scena della Sackler Gallery of Art . In prestito dal di Corea, la è al centro della nuova mostra “Sacra dedica: un capolavoro buddista coreano”.

Gwaneum, noto anche come Avalokiteshvara in sanscrito, è il bodhisattva più popolare dell’ orientale. Esempi della figura sono ben noti, alcuni sono persino esposti in tutta la sala della mostra in corso del Sackler “Incontro con Buddha: arte e pratica in tutta l’”, ma alcune di queste statue sono ancora presenti in Corea. Questo, che risale alla Goryeo (918-1392), è la più antica scultura sopravvissuta del suo genere nel suo paese.

Il raggiunse la Corea nel IV secolo e quando questa scultura fu creata nel 1200, era diffusa e aveva il supporto reale. I ricchi materiali della scultura, dalla sua copertura in oro all’urna di cristallo, suggeriscono che è stata creata in un’officina di scultori e doratori altamente qualificati. “Durante il periodo Goryeo, hai un mecenatismo reale molto forte per l’istituzione buddista e per la creazione di immagini”, spiega il museo Keith Wilson, che ha co-curato la “Sacra Dedizione” con Sunwoo Hwang, uno studente dell’Università Dongguk di Seoul e un compagno al museo.

Le di Gwaneum erano popolari in Corea, ma solo poche invasioni sopravvissute subirono il paese, spiegando in parte l’appello duraturo della divinità sia per le masse che per i , spiega Hwang. Mentre la Corea subiva guerre e occupazioni, gran parte della sua materiale, compresi questi tipi di sculture, furono distrutte.