Corea del Sud, Peste Suina Africana: Allerta per ulteriori focolai

Tempo di lettura: 1 minuto

La rimane in allerta dopo ulteriori focolai di (PPA) nel paese, aumentando gli sforzi di disinfezione per affrontare la mortale. Il paese ha confermato nove casi di dal 17 settembre, quando è stato riportato il suo primo caso, ha riferito l’agenzia Yonhap.

Il ministro dell’, dell’ e degli affari rurali, Kim Hyun-soo, ha riferito che il divieto di trasferimento per di suini, mangimifici e strutture pertinenti è stato revocato da ieri, ma gli sforzi di quarantena sono ancora in corso. rallentare la diffusione del PPA.

Nell’ambito delle misure preventive, le autorità hanno iniziato a sacrificare, sabato, tutti i maiali nelle fattorie situate nella regione di Ganghwa, Incheon, a ovest di Seoul.

Ganghwa è considerata la regione più vulnerabile, poiché sono emersi cinque dei nove casi confermati di malattia altamente infettiva.

Un totale di 38 mila suini sono soggetti a macellazione, che raggiungerà quasi 90 mila il numero totale di suini macellati o che saranno macellati in tutto il paese, secondo il ministero.

Tutte le parti della provincia di Gyeonggi e Incheon, insieme alla vicina provincia di Gangwon, sono state designate come aree fortemente controllate, soggette a operazioni di disinfezione e controlli più rigorosi.

Nel frattempo, le autorità di quarantena stanno lottando per identificare l’origine del virus mortale.

Tutti i casi confermati o sospetti provengono dalle aree settentrionali della provincia di Gyeonggi vicino al confine intercoreano, ma non è stata ancora identificata una chiara via di infezione.

Sebbene la PPA non influisca sull’uomo, è altamente contagiosa e mortale per i maiali. Al momento non esiste un vaccino o una cura per questo.

Fonte
agenzia Yonhap