Continuare isolamento anziani anche dopo ripresa attività ?

Senior couple on country bike ride

Tempo di lettura: 2 minuti

L’articolo 3 della Costituzione stabilisce che “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

Il seguito dell’articolo 3 aggiunge che la Repubblica deve rimuovere tutti gli ostacoli che limitano la libertà e l’eguaglianza dei cittadini. Evidentemente, l’età rientra in queste “condizioni personali e sociali”.

La è costituita per circa il 25% di ultrasessantacinquenni, per il 20% di ultrasettantenni, per circa il 9% di ultraottantenni e per più dell’uno% di ultranovantenni.

Quindi le persone della tera età costituiscono una presenza poderosa, che non si può tentare di mettere da una parte o di emarginare in qualche modo.

Il problema dei non autosufficienti deve essere affrontato dal punto di vista assistenziale e sanitario, in con la d’origine del nonno.

Le vicende di questi giorni hanno messo in luce che esistono da affrontare con urgenza, sperando che la magistratura si adoperi urgentemente per sistemare la situazione (leggasi ad esempio case di cura, RSA, ecc.).

La stragrande maggioranza degli ultrasessantecinquenni, però, è autosufficiente, almeno dal punto di vista vitale e mentale.

Quei nonni sono persone nel pieno delle loro capacità relazionale, che devono essere innanzi tutto ascoltati e non messi in cattività preventiva. Essi sanno come regolarsi coi , coi nipoti e con tutti gli altri: anzi, dall’alto della loro esperienza e della loro , sanno comportarsi con più e attenzione di chiunque altro.

Ovviamente atteniamoci alle regole di prudenza e di realtà, ma qualunque sia la età dei nostri nonni, qualora autosufficienti, non lasciateli in ‘gabbia’.

D’altronde anche voi, giovani, invecchierete e, quindi, per la legge del contrappasso, toccherà anche voi, ma una doppia punizione: quella che avete fatto ai vostri nonni e quella che subirete voi dai vostri figli.

Un grazie a La Nuova Bussola Quotidiana per questo testo.