Consiglio Mondiale delle Chiese

Il World Council of Churches ( WCC ) è un’organizzazione interconfessionale mondiale fondata nel 1948. I suoi membri oggi includono la Chiesa assira dell’Oriente , le Chiese ortodosse orientali , la maggior parte delle giurisdizioni della Chiesa ortodossa orientale , la Chiesa siriana Mar Thoma di Malabar, la vecchia chiesa , la Comunione anglicana , la maggior parte delle chiese protestanti (come luterana , mennonita , metodista , morava e riformata ) e alcune chiese evangeliche protestanti come il battista e il pentecostale).

In particolare, la Chiesa cattolica non è un membro, anche se invia osservatori accreditati alle riunioni. Il CEC è nato dal movimento ecumenico e ha come base la seguente dichiarazione:

Il Consiglio Mondiale delle Chiese è una comunione di chiese che confessano il Signore come Dio e Salvatore secondo le Scritture, e quindi cercano di adempiere insieme la loro comune chiamata alla gloria dell’unico Dio: Padre, Figlio e Spirito Santo.

È una comunità di chiese sulla via dell’unità visibile in una sola fede e in una comunione eucaristica, espressa nell’adorazione e nella vita comune in Cristo. Cerca di avanzare verso questa unità, come ha pregato per i suoi seguaci, “affinché il mondo possa credere”. (Giovanni 17:21)

Il CEC si definisce “una comunità mondiale di 349 chiese globali, regionali e subregionali, nazionali e locali che cercano l’unità, una testimonianza comune e un servizio cristiano”. Ha sede presso il Centro ecumenico di , in Svizzera .

I membri dell’organizzazione includono denominazioni che pretendono di rappresentare collettivamente circa 590 milioni di persone in tutto il mondo in circa 150 paesi, tra cui 520.000 congregazioni locali servite da 493.000 pastori e sacerdoti, oltre a anziani, insegnanti, membri dei consigli parrocchiali e altri.

Il Movimento ecumenico ha incontrato i primi successi tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, inclusa la Conferenza missionaria di Edimburgo del 1910 (presieduta dal futuro presidente onorario del CEC John R. Mott ). Nel 1920, il Patriarca ecumenico della Chiesa ortodossa orientale , Germano V di , scrisse una lettera “indirizzata” a tutte le Chiese di Cristo, ovunque esse fossero “, sollecitando una più stretta cooperazione tra i separati e suggerendo una” Lega ” delle Chiese, parallelamente alla Lega delle Nazioni appena fondata “.

I dirigenti della Chiesa hanno concordato nel 1937 di istituire un Consiglio ecumenico delle chiese, basato sulla fusione del movimento di fede e ordine(sotto Charles Brent della Chiesa episcopale degli Stati Uniti) e Movimento di vita e lavoro (sotto la guida di Nathan Söderblom della Chiesa luterana di Svezia ).

Il suo insediamento ufficiale fu rinviato allo scoppio della seconda guerra mondiale fino al 23 agosto 1948. I delegati di 147 chiese si riunirono ad Amsterdam per unire il Movimento di Fede e Ordine e il Movimento di vita e lavoro . Ciò fu consolidato da un secondo incontro a Lund nel 1950, per il quale il metodista britannico Robert Newton Flew pubblicò un autorevole volume di studi, The Nature of the Church .

Le successive fusioni furono con il Consiglio missionario internazionale nel 1961 e il Consiglio mondiale per l’educazione cristiana , con le sue radici nel XVIII secoloMovimento della Scuola Domenicale , nel 1971.

Chiese membro del Cec comprendono la maggior parte del ortodossi orientali e orientali ortodosse Chiese; la comunione anglicana ; alcune vecchie chiese cattoliche ; e numerose chiese protestanti , tra cui alcuni battisti , molti luterani , metodisti e presbiteriani e altri riformati , un campionario di chiese unite e indipendenti e alcune chiese pentecostali .

Molte chiese che si sono rifiutate di unirsi al CEC si sono unite per formare l’ Alleanza evangelica mondiale .

I delegati inviati dalle chiese membri si incontrano ogni sette o otto anni in un’Assemblea, che elegge un Comitato centrale che governa tra le Assemblee. Una varietà di altri comitati e commissioni rispondono al Comitato centrale e al suo personale. Le assemblee sono state tenute dal 1948.

Le “violazioni dei diritti umani nei paesi comunisti hanno suscitato grande preoccupazione tra i leader del Consiglio ecumenico delle chiese”. Tuttavia, lo storico Christopher Andrew afferma che, durante la Guerra Fredda, un certo numero di importanti rappresentanti del CEC della Chiesa ortodossa dell’Europa orientale lavoravano per il KGB e che influenzarono la politica del CEC. Dal 1955 al 1958, Robert S. Bilheimer ha copresieduto una commissione internazionale del CEC per preparare un documento che affronti la minaccia della guerra nucleare durante la Guerra Fredda.

Alla conferenza del 1961, un russo ortodosso di 32 anni di nome Aleksey Ridiger fu inviato come delegato all’assemblea, e quindi nominato nel comitato centrale del CEC. Successivamente è stato eletto patriarca russo nel 1990 come Alessio II .

La nona assemblea si è svolta a Porto Alegre, in , nel febbraio 2006, sotto il tema “Dio, nella tua grazia, trasforma il mondo”. Durante le prime assemblee, i teologi Vasileios Ioannidis e Amilkas Alivizatos hanno contribuito in modo significativo ai dibattiti che hanno portato alla stesura della “Dichiarazione di Toronto”, un documento fondativo che ha facilitato la partecipazione ortodossa orientale all’organizzazione e oggi costituisce la sua carta ecclesiologica.

La decima assemblea si è svolta a Busan, , dal 30 ottobre all’8 novembre 2013.

Nel 2013 la dottoressa Agnes Abuom di Nairobi, della Chiesa anglicana del Kenya, è stata eletta come moderatrice del Comitato centrale del Consiglio ecumenico delle chiese; è la prima donna e la prima africana a mantenere questa posizione.

Fonte
Wikipedia