Come il tuo cibo può aiutare o infiammare il tuo corpo

Tempo di lettura: 2 minuti

Le scelte che fai al supermercato possono avere un impatto sull’infiammazione nel tuo corpo. Gli scienziati stanno ancora scoprendo in che modo il influisce sui processi infiammatori del corpo.

La ricerca mostra che ciò che mangi può influenzare i livelli di proteina C-reattiva (CRP), un marker di infiammazione, nel sangue. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che alcuni alimenti come gli zuccheri trasformati aiutano a rilasciare messaggeri infiammatori che possono aumentare il rischio di infiammazione cronica. Altri alimenti come aiutano il tuo corpo a combattere lo stress ossidativo, che può scatenare l’infiammazione.

La buona notizia: gli alimenti anti-infiammatori tendono ad essere gli stessi alimenti che possono aiutarti a mantenerti in salute anche in altri modi. Quindi mangiare pensando all’infiammazione non deve essere complicato o restrittivo.

Semplici regole empiriche per mangiare antinfiammatorio:

Mangia più . Gli integrali contengono i nutrienti antinfiammatori di cui il tuo corpo ha bisogno. Quindi, mangiare frutta, verdura, e legumi è il posto migliore per iniziare.

Concentrarsi sugli antiossidanti. Aiutano a prevenire, ritardare o riparare alcuni tipi di danni alle cellule e ai tessuti. Si trovano in frutti colorati e verdure come bacche, verdure a foglia verde, barbabietole e avocado, così come fagioli e , cereali integrali, zenzero, e tè verde.

Ottieni i tuoi Omega-3. Gli acidi grassi Omega-3 svolgono un ruolo nella regolazione del processo infiammatorio del corpo e possono aiutare a regolare il dolore correlato all’infiammazione. Trova questi grassi sani nei pesci come il salmone, il tonno e lo sgombro, oltre a quantità minori di noci, noci pecan, semi di lino macinati e soia.

Mangia meno rossa. La rossa può essere pro-infiammatoria. Sei un amante degli hamburger? Prova a sostituire il manzo all’ora di pranzo con pesce, noci o ​​a base di soia alcune volte alla settimana.

Elimina i cibi elaborati industriali. Cereali e bevande zuccherate, cibi fritti e dolci sono tutti pro-infiammatori. Possono contenere molti grassi malsani collegati all’infiammazione. Ma mangiare frutta intera, verdure, cereali e fagioli può essere veloce se prepari più pasti.

Ci sono anche alimenti, cosiddetti antinfiammatori, di cui non dovremmo fare a meno come i cereali: orzo, grano saraceno, avena, segale, farri, grano, riso.

L’olio d’oliva, con la sua concentrazione di grassi monoinsaturi, vitamina E e , riduce la formazione di molecole pro-infiammatorie. Grassi monoinsaturi sono presenti anche in avocado e noci.

Il succo di ananas contiene la bromelina, enzima dalle proprietà antinfiammatorie.

La curcuma, antiossidante, l’aglio, con i suoi composti a base di solfuro, lo zenzero, dalle proprietà antiulcerose, sono tutti ottimi antinfiammatori.

Ribes, lamponi, more, mirtilli: i svolgono attività antiossidante e antinfiammatoria in particolare a livello gastrico.

I carciofi, per il contenuto di cinarina (dalle proprietà colagoghe e coleretiche) favoriscono la digestione.

Si evitano processi del metabolismo collegati agli stati infiammatori con alimenti con Omega-3 e Omega-6 contenuti nelle noci, semi di lino, sesamo, nel tofu, nelle mandorle e nelle noci

Fonte
mayoclinic.org

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!