Come i genitori possono aiutare i bambini a resistere ai social media

Tempo di lettura: 3 minuti

Le riviste e la pubblicità sono state a lungo criticate per aver sostenuto standard pericolosamente irrealistici di successo e bellezza, ma almeno si riconosce che sono idealizzati. I modelli che indossano abiti di taglia 0 sono proprio questo: modelli. E anche loro sono truccati, ritoccati e fotografati.

In questi giorni, tuttavia, gli standard impossibili sono stabiliti molto più vicini a casa, non da celebrità e modelli ma da compagni di classe e amici.

Con i , gli possono curare la propria vita e i feed risultanti si leggono come bobine di evidenziazione, mostrando solo i momenti migliori e più invidiabili nascondendo gli sforzi, le lotte e gli aspetti semplicemente ordinari della vita quotidiana.

E ci sono prove che quelle immagini stanno causando angoscia per molti bambini.

Donna Wick, EdD, fondatrice di Mind-to-Mind Parenting, afferma che per gli adolescenti il ​​peso combinato della vulnerabilità, la necessità di convalida e il desiderio di confrontarsi con i coetanei costituisce ciò che descrive come una “tempesta perfetta di insicurezza” . ” È così magra. I suoi voti sono perfetti. Che coppia felice. Non sarò mai così bello, così magro, così fortunato, così riuscito.

La ricaduta di questi standard non realistici diventa più pericolosa quando i bambini raggiungono il college, dove si trovano ad affrontare quote più alte, un lavoro più duro e un ambiente in gran parte privo di .

La pressione per apparire perfetti per impressionare i nuovi colleghi, per non parlare di amici e a casa, può essere ancora maggiore.

Per i bambini che soffrono di ansia o , i feed accuratamente modificati possono fungere da cortina fumogena, mascherando seri problemi dietro la finzione della perfezione e rendendo più difficile per i genitori o gli amici vedere che hanno bisogno di aiuto.

Gli adolescenti che hanno creato personaggi online idealizzate possono sentirsi frustrati e depressi al divario tra chi essi fingono di essere in linea e chi sono veramente.

Se pratichi l’essere un falso sé otto ore al giorno, diventa più difficile accettare l’essere tutt’altro che perfetto che sei veramente“, afferma il dottor Wick.

Un altro problema più diffuso, afferma il dott. Emanuele, è che per alcuni adolescenti i loro feed sociali possono diventare carburante per i sentimenti negativi che provano nei loro . I bambini alle prese con insicurezza leggono nelle immagini dei loro amici ciò che ritengono che manchi.

Cosa possono fare i genitori per aiutare i bambini a una relazione sicura e ragionevole con i social media prima di uscire da soli?

Wick afferma che impedire agli adolescenti di cadere nella trappola dei social media è più complicato di quanto sembri. “Non si tratta di portare via il o di avere una sola conversazione”. Dice: “I genitori devono essere diligenti nel garantire che i bambini ricevano una dose di realtà e debbano modellare comportamenti sani”.

Prendi sul serio i social media. Non sottovalutare il ruolo dei social media nella vita degli adolescenti, avverte il dott. Wick.

“Il potere di un’immagine visiva è così forte. È disorientante. ”Molti adolescenti, dice, non hanno mai conosciuto un mondo in cui i social media non esistevano, e per loro le cose che accadono online – errori, rotture, Mi piace o commenti negativi – sono molto reali. Quando parli di social media, assicurati di ascoltare davvero e fai attenzione a non respingere o minimizzare le esperienze dei tuoi .

Incoraggiali a pensare fuori dagli schemi (ritaglia). Quando parli con tuo figlio dei social media, incoraggialo a esplorarlo in modo più critico.

Un ottimo modo per iniziare è provare a chiederle cosa pensa che sia stata ritagliata o modificata dalle immagini “perfette” dei suoi amici e perché. Ciò può portare a domande più grandi.

Pensi che i tuoi amici siano davvero le persone che sembrano essere online? Tu sei? Qual è lo scopo di pubblicare una foto? Che cosa c’è di ottenere “mi piace” che ti fa sentire bene? Guardare i social media influenza il tuo umore?

Modella una sana risposta al fallimento. “I bambini devono ricevere il messaggio che va bene fallire”, afferma il Dr. Wick. “E non solo va bene fallire, ma anche dimostrarlo va bene.”

Se i genitori nascondono i propri fallimenti, i bambini hanno meno probabilità di stare bene con qualcosa di meno del successo.

“Quando le cose non funzionano come avevi pianificato o un progetto va storto, mostra a tuo figlio come accettarlo con grazia”, ​​aggiunge. “Fai sapere ai bambini che il fallimento fa parte del modo in cui impariamo ad avere successo, che non c’è nulla di cui vergognarsi e lascia che ti vedano prendere te stesso e riprovare.”

Fai una “vacanza sociale”. Se sei preoccupato che tuo figlio sia troppo preso dai social media, prova a fare una vacanza sociale. “Questo significa tutti” , afferma il Dr. Wick.

Alla fine, come genitore, vuoi che tuo figlio sia felice e di successo. Ma assicurarsi che sappia che la ami e che sei orgoglioso così com’è – non filtrato, inedito, imperfetto – lo aiuterà a costruire la fiducia di cui ha bisogno per accettare se stesso e rimanere in quando è fuori da solo, nel mondo reale e non virtuale.

Originariamente pubblicato dal Child Mind Institute