Come funziona la sorveglianza di massa nello Xinjiang, in Cina

Le autorità cinesi stanno usando un’app mobile per effettuare la sorveglianza di massa illegale e la detenzione arbitraria di musulmani nella regione occidentale del Xinjiang in Cina. Il rapporto di Human Rights Watch, ” Algoritmi di repressione della Cina: Reverse Engineering a Xinjiang Police Mass Surveillance App, “Presenta nuove prove sullo stato di sorveglianza nello Xinjiang, dove il governo ha sottoposto 13 milioni di musulmani turchi all’aumento della repressione come parte della” Campagna di sciopero contro il terrorismo violento “.

Tra gennaio 2018 e febbraio 2019, Human Rights Watch è stata in grado di decodificare l’app mobile che i funzionari utilizzano per connettersi alla Integrated Joint Operations Platform (IJOP), il programma di polizia dello Xinjiang che aggrega dati su persone e bandiere ritenuti potenzialmente pericolosi. Esaminando il design dell’app, che all’epoca era disponibile pubblicamente, Human Rights Watch ha rivelato in particolare i tipi di comportamenti e le persone a cui questo sistema di sorveglianza di massa si rivolge.

“La nostra ricerca mostra, per la prima volta, che la polizia dello Xinjiang sta usando informazioni raccolte illegalmente sul comportamento completamente legale della gente – e lo usa contro di loro”, ha detto Maya Wang, ricercatrice senior in Cina presso Human Rights Watch. “Il governo cinese sta monitorando ogni aspetto della vita delle persone nello Xinjiang, individuando quelli che diffidano e sottoponendoli a un controllo extra”.

Il codice sorgente dell’app rivela anche che la piattaforma della polizia ha come obiettivo 36 tipi di persone per la raccolta dei dati. Quelli includono persone che hanno smesso di usare telefoni intelligenti, quelli che non riescono a “socializzare con i vicini” e quelli che “hanno raccolto denaro o materiali per le moschee con entusiasmo”.

La piattaforma IJOP tiene traccia di tutti nello Xinjiang. Controlla i movimenti delle persone tracciando i loro telefoni, veicoli e carte d’identità. Tiene traccia dell’uso della gente di elettricità e stazioni di servizio.

Human Rights Watch ha rilevato che il sistema e alcuni punti di controllo della regione lavorano insieme per formare una serie di recinti invisibili o virtuali. La libertà di movimento delle persone è limitata a vari livelli a seconda del livello di minaccia che le autorità percepiscono, determinate dai fattori programmati nel sistema.

Fonte