Colombia, Medicina alternativa: mercato in crescita

Tempo di lettura: 2 minuti

I dati dell’Organizzazione mondiale della (OMS) hanno indicato che, in , oltre il 40% della popolazione ha utilizzato la , a cui circa 10.000 sono collegati nel paese.

Allo stesso modo, “alcuni utenti del mercato non cercano solo rimedi per il corpo e alternative culturali e spirituali che consentano loro di condurre una vita con un significato maggiore, ma anche modi di pensare”, afferma Omar Alberto Garzón, che ha basato la sua tesi su questo argomento Dottorato di ricerca in Scienze umane e sociali presso l’Università Nazionale della Colombia (UNAL).

Alcuni dei casi identificati dal ricercatore nel suo studio etnografico, come i pazienti con cancro o fibromialgia, mostrano che la medicina tradizionale o omeopatica sono, come li chiama, “nomadi” nelle loro ricerche terapeutiche.

“In casi di malattie come il cancro, in cui le condizioni del paziente diventano terminali, l’opzione per i servizi del mercato della medicina tradizionale e alternativa e le sue non convenzionali è spesso una via d’uscita disperata”, afferma il ricercatore.

Secondo interviste e lavori etnografici, il ricercatore ha stabilito che questi servizi si estendono in tutta la capitale e sono forniti in centri commerciali o case di famiglia.

A Bogotà, alcune offerte di medicina tradizionale indigena e servizi di ‘sobandería’ hanno occupato per molti anni settori della città che sono già familiari ai suoi abitanti.

Ad esempio, nel piccolo mercato di strada di San Victorino gli indigeni del gruppo Inga offrono rimedi naturali e talismani per fortuna in mercati che non hanno alcun tipo di regolamentazione da parte delle autorità sanitarie.

La medicina tradizionale è l’intero insieme di conoscenze, abilità e pratiche basate su teorie, credenze ed esperienze indigene di culture diverse, utilizzate per mantenere la , prevenire, diagnosticare, migliorare o curare malattie fisiche o mentali.

Il ricercatore ha anche identificato che, più recentemente, alcune chiese cristiane non offrono più solo la salvezza dell’anima ma anche terapie per problemi emotivi o di in cui Gesù Cristo è l’alternativa terapeutica.

Ha anche scoperto che i guru della salute motivazionale fanno parte di questa offerta; terapie delle “costellazioni familiari” che agiscono sul disagio psicologico identificato con i conflitti familiari; terapie con medium che comunicano con angeli e medicine religiose, le cui pratiche includono “l’imposizione delle mani, gruppi di preghiera, contatto con il tabernacolo, esorcismi e altre attività”.

“I suoi utenti sono di classe media, con livelli di istruzione superiori all’istruzione secondaria di base e generalmente credenti cattolici. Sono impiegati con un reddito di base o superiore al salario minimo nazionale, casalinghe e disoccupati con la capacità e la necessità di ricevere e incorporare discorsi sull’auto-miglioramento, come i mezzi con cui possono eventualmente superare il lavoro, le crisi esistenziali o fisiche “, afferma. Il ricercatore

Per quanto riguarda i regolamenti stabiliti dal mercato, il ricercatore sottolinea che sono limitati: “sebbene in alcuni casi possa stabilire regolamenti sul tipo di offerta e sui prezzi da addebitare per i servizi, lo stesso non accade con le procedure terapeutiche, che possono essere a rischio la vita di chi viene da loro, motivo per cui è necessario l’intervento statale ”.

Anche così, per gli utenti questi scarsi limiti consentono di optare per i servizi di questo mercato in modo gratuito e senza restrizioni importanti, a meno che i costi non siano al di fuori del loro budget.

Fonte
agenciadenoticias.unal.edu.co