Coldiretti, La black list dei cibi più pericolosi nel mondo

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli alimenti inseriti nella black list da Coldiretti provengono da varie paesi nel mondo, fra questi gli Stati Uniti, la , la Turchia, l’Iran, la Polonia, i Paesi Bassi, l’Indonesia, l’India e la Spagna. Si tratta di frutta secca, , spezie, dietetici e integratori. Di seguito una parte della lista:

il pesce (tonno e pesce spada) dalla Spagna per via dei in eccesso ovvero mercurio e cadmio
i dietetici e gli integratori degli Stati Uniti per via di ingredienti e novel food non autorizzati
le arachidi dalla Cina per la presenza di aflatossine oltre i limiti
i peperoni dalla Turchia per la presenza di oltre i limiti
i pistacchi dall’Iran per la presenza di aflatossine oltre i limiti
i fichi secchi dalla Turchia per la presenza di aflatossine oltre i limiti
le carni di pollo dalla Polonia per le contaminazioni microbiologiche ovvero
le nocciole dalla Turchia per la presenza di aflatossine oltre i limiti
le arachidi dagli Stati Uniti per la presenza di aflatossine oltre i limiti
i pistacchi dalla Turchia per la presenza di aflatossine oltre i limiti
il peperoncino dall’India per la presenza di aflatossine e salmonella oltre i limiti
le albicocche secche dalla Turchia per la presenza di solfiti oltre i limiti
la noce moscata dall’Indonesia per la presenza di aflatossine oltre i limiti e certificato sanitario carente
le carni di pollo dai Paesi Bassi per la presenza di contaminazioni microbiologiche.

Fonte: Coldiretti

.:.
AFLATOSSINE

Le aflatossine (o afflatossine) sono micotossine prodotte da specie fungine appartenenti alla classe degli Ascomiceti (genere Aspergillus), Fusarium, oppure da altre muffe. Le aflatossine sono altamente tossiche e sono ritenute essere tra le sostanze più cancerogene esistenti.

In condizioni ambientali favorevoli le spore degli Aspergillus germinano e successivamente colonizzano le granaglie (cereali, legumi, semi oleosi) e la frutta secca, da queste possono trasferirsi ai carboidrati derivati (farine).

Il termine aflatossina deriva proprio dall’Aspergillus flavus, responsabile della prima da micotossine documentata, riscontrata nel 1961. Tale si diffuse a partire da una partita di di arachidi contaminata che causò la morte di più di 10.000 tacchini e, ignorandone le cause, venne in un primo momento chiamata proprio per questo X del tacchino (in inglese Turkey X disease).

I prodotti da raccolti coltivati secondo pratiche di agricoltura biologica, che non prevedono trattamenti fungicidi, possono essere più suscettibili alla contaminazione da aflatossine. (Wikipedia)