Cina Paese chiave contro il traffico di droga

Tempo di lettura: 1 minuto

La e’ la chiave per arrestare l’aumento della produzione di metanfetamine che ha visto il Myanmar diventare uno dei piu’ grandi fornitori mondiali. E’ quanto afferma un rapporto pubblicato oggi dall’organizzazione non governativa International Crisis Group (Icg), che evidenzia la complessita’ nel rapporto tra i due paesi a causa di separatisti armati che producono migliaia di tonnellate di nel “Triangolo d’oro” dello Shan birmano, un’area che e’ gia’ la seconda regione di produzione di nel mondo.

L’Icg afferma che la Cina dovrebbe tenere una linea piu’ dura nei confronti dei separatisti che producono la droga e la vendono oltre il confine di stato, essendo sotto l’influenza cinese. La Cina mantiene un rapporto complesso con i gruppi separatisti, molti dei quali rivendicano un’affinita’ ideologica e culturale con la cinese.

Il rapporto di Icg ripone speranze sul fatto che il corridoio economico Cina-Myanmar potrebbe contribuire a ridurre la produzione di creando piu’ posti di lavoro, anche se alcuni esperti sono convinti che le infrastrutture potrebbero invece facilitare il trasporto della droga.

(agenzia Nova)