Cina meridionale, Nave da guerra Usa nelle acque contese

Tempo di lettura: 1 minuto

Secondo una fonte anonima, rilanciata dai media statunitensi, alle prime ore di oggi la USS Dewey, da , avrebbe transitato all’interno delle 12 miglia nautiche nell’area del Mischief Reef, nel complesso delle isole Spratly, nelle acque contese del mar Cinese meridionale, avvicinandosi a un’isola artificiale costruita dalla , in un’area che – in violazione al – considera alla stregua di “”.

L’esercitazione rischia di innescare le ire di Pechino, che rivendica il controllo esclusivo dell’area.

La Casa Bianca ha più volte sfidato l’annessione cinese delle isole – contese fra gli altri da Manila e Hanoi – e invocato una risoluzione diplomatica della controversia. Inoltre, il governo americano ritiene che Pechino stia “militarizzando” il mar Cinese meridionale, una rotta chiave per la navigazione civile e commerciale.

Per gli esperti il rischio è che la regione si stia trasformando in un centro nevralgico di conflitto, con potenziali conseguenze catastrofiche a livello globale.

Pechino rivendica una fetta consistente di , che comprende le Spratly e le Paracel, isole contese da Vietnam, Taiwan, Filippine, e Malaysia (quasi l’85% dei territori), e ha avviato la costruzione di una serie di isole artificiali, con impianti e fari per la navigazione.

Stime recenti riferiscono che il valore commerciale dei prodotti in transito ogni anno nell’area si aggira attorno ai 5mila miliardi di dollari.

Fonte Asia News