Cina, leader cattolico nuovamente arrestato per molestie

Tempo di lettura: 2 minuti

i funzionari cinesi hanno tenuto un in detenzione, lontano dal suo gregge, perché si rifiuta di unirsi alla Chiesa “ufficiale” che è sanzionata dal governo. Non ha avuto un processo formale. Di solito gli è permesso di andare nella sua città natale per il capodanno cinese, ma poi torna in detenzione.

Quest’anno, a causa delle interruzioni causate dalla pandemia di COVID-19, tuttavia, al vescovo Augustine Cui Tai, è stato permesso di rimanere nella sua città natale fino a giugno. Venerdì scorso, secondo le notizie dell’UCA , il vescovo Cui è stato riportato in detenzione, “in un luogo non specificato”, secondo fonti cattoliche locali senza nome.

Il vescovo Cui, 70 anni, è responsabile della diocesi di Xuanhua, che non è riconosciuta dalle autorità religiose di Pechino. La diocesi ha sede nella provincia settentrionale dell’Hebei, vicino a Pechino. Nel 2013, XVI ha nominato Cui Coadiutore del Vescovo Thomas Zhao Kexun di Xuanhua, che ora ha 96 anni.

“Dal suo arresto nel 2007, non è stato in grado di trascorrere la Pasqua in diocesi”, ha detto UCA News, pubblicato dall’Unione di Catholic Asian News. ” Il suo ultimo soggiorno tra gennaio e giugno nella diocesi” è stato il più lungo “di cui il vescovo aveva goduto nella diocesi negli ultimi 13 anni “.

Nel suo rapporto annuale 2020, la Commissione degli Stati Uniti per la libertà religiosa ha affermato che le autorità locali in Cina nell’ultimo anno “hanno continuato a molestare e detenere i vescovi, tra cui … Cui Tai, che ha rifiutato di aderire all’ cattolica affiliata allo stato”.

Un funzionario della diocesi di ha definito la detenzione di Cui “una grave della sua libertà”.

“In questo momento non sappiamo dove sia”, ha detto Martedì Chan Lok-shun, responsabile del progetto della Commissione per la e la pace della diocesi di Hong Kong.

“Ha ancora sacerdoti e un gregge, ma si rifiutano di unirsi alla [Chiesa ufficiale sotto l’Associazione patriottica cattolica cinese]”, ha detto Chan ad Aleteia. “Ha nominato un vicario generale per aiutarlo a gestire la diocesi quando non è nel suo ufficio. Stanno ancora gestendo la diocesi ma a volte non possono funzionare bene perché alcuni compiti devono essere svolti dal vescovo, come le ordinazioni o le di conferma. Ma la diocesi continua a svolgere l’operazione di base. ”

Il re-arresto del vescovo Cui è stato la prova che il Cinese “stava ancora usando metodi brutali” contro i leader religiosi che non sono d’accordo con la religione di stato, ha detto Chan all’UCA.

Fonte : Aleteia