Cina, Il fosfato di clorochina per combattere il Coronavirus

Tempo di lettura: 2 minuti

Esperti cinesi, basati sul risultato di studi clinici, hanno confermato che la clorochina fosfato, un antimalarico, ha un certo effetto curativo sulla nuova del (COVID-19), ha detto un funzionario cinese lunedì.

Gli esperti hanno “unanimemente” suggerito che il farmaco fosse incluso nella prossima versione delle linee guida per il trattamento e applicato quanto prima in più ampi studi clinici:

Sun Yanrong, vice capo del Centro nazionale cinese per lo sviluppo delle sotto il Ministero della e della , riferisce che il fosfato di cloroquina si trova in una classe di farmaci chiamati antimalarici e amebicidi. È usato per prevenire e curare la . Viene anche usato per trattare l’amebiasi.

Questo farmaco è talvolta prescritto per altri usi; infatti il fosfato di clorochina viene usato occasionalmente per ridurre i sintomi dell’artrite reumatoide e per trattare lupus eritematoso sistemico e discoide, sclerodermia, pemfigo, lichen planus, polimiosite, sarcoidosi e porfiria cutanea tarda. Parlate con il vostro medico circa i possibili rischi dell’utilizzo di questo farmaco per la vostra condizione.

Il fosfato di clorochina, che è stato usato per oltre 70 anni, è stato selezionato da decine di migliaia di farmaci esistenti dopo più cicli di , ha detto Sun.

Il farmaco è stato sottoposto a test clinici in oltre 10 ospedali a Pechino, così come nella provincia del Guangdong della Cina meridionale e nella provincia di Hunan della Cina centrale, ed ha mostrato un’efficacia abbastanza buona.

Il team di esperti, guidato da Zhong Nanshan, un rinomato specialista delle vie respiratorie e un accademico dell’Accademia cinese di ingegneria, ha convenuto che il fosfato di clorochina può essere usato per trattare più pazienti COVID-19, ha detto Sun.

Precedenti esperimenti in vitro hanno dimostrato che può bloccare le infezioni virali modificando il valore di acidità e basicità all’interno della cellula e interferendo sui recettori del coronavirus SARS.

Fonti varie