Cina critica esercitazioni compagnie aeree statunitensi nel Mar Cinese Meridionale

Tempo di lettura: 1 minuto

La ha accusato gli di aver flesso i suoi muscoli militari nel Mar Cinese Meridionale conducendo esercitazioni congiunte con due gruppi di statunitensi nella via navigabile strategica. Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha affermato che gli esercizi sono stati eseguiti “totalmente per motivi ulteriori” e hanno compromesso la stabilità nell’area.

La ha detto durante il fine settimana che la USS Nimitz e la USS Ronald Reagan insieme alle loro navi e aeromobili di accompagnamento condotte esercitazioni “progettate per massimizzare le capacità di ed estendere la portata di attacchi marittimi di precisione a lungo raggio di aeromobili basati su portaerei in un’area in rapida evoluzione delle operazioni”.

La Cina rivendica quasi tutto il Mar Cinese Meridionale e si oppone sistematicamente a qualsiasi azione delle statunitensi nella regione. Altri cinque governi rivendicano tutto o parte del mare, attraverso il quale vengono spediti ogni anno circa 5 trilioni di dollari di merci.

La Cina ha cercato di sostenere la sua richiesta al mare costruendo su atolli corallini, portando gli Stati Uniti a attraverso la regione in quelle che chiama missioni di libertà operativa.

Washington non prende ufficialmente posizione sulle rivendicazioni territoriali rivali nella regione, ma è strettamente alleato con molti dei richiedenti e insiste sul fatto che le acque e lo sopra siano liberi da tutti i paesi.