Ciclodestrine modificate come antivirali ad ampio spettro

Tempo di lettura: 2 minuti

Un trattamento antivirale unico è stato fatto usando lo come principio attivo di base. Il prodotto è stato dimostrato in grado di uccidere un trattamento di una serie di virus in condizioni di laboratorio, come infezioni respiratorie e herpes genitale.

Oltre all’herpes simplex (virus dell’herpes labiale), i ricercatori britannici hanno dimostrato che la nuova formulazione è in grado di distruggere il virus respiratorio sinciziale, l’epatite C, l’HIV e il virus Zika. La formulazione sarà anche efficace contro i , indicando un ampio spettro di attività antivirale.

L’applicazione principale del nuovo prodotto è per la decontaminazione superficiale, come un’area ospedaliera dopo che un paziente con virus contrattabili è stato trattato. Sebbene esistano sul mercato prodotti “virucidi” di lunga data, come la candeggina, questi prodotti chimici sono molto tossici per l’uomo. Questo è il motivo per cui l’idea di sviluppare un virucida dallo zucchero è un’idea attraente – qualcosa che può distruggere una serie di virus e tuttavia, allo stesso tempo, dimostrarsi non tossico per l’uomo.

Gli scienziati dell’Università di Manchester (Regno Unito) hanno dimostrato in che modo le molecole di zucchero modificate possono attaccare il guscio esterno di un virus, causando la distruzione della superficie e portando alla distruzione di particelle infettive. Questo accade quasi istantaneamente al contatto. Con un tale approccio è improbabile che si verifichi una resistenza ai antivirali .

La modifica delle molecole di zucchero è stata ottenuta utilizzando derivati ​​del chiamati ciclodestrine (prodotti dall’amido mediante conversione enzimatica). Queste molecole aiutano ad attirare i virus verso la di zucchero e quindi aiutano a scomporre il virus mentre viene in contatto.

Come riassume il principale scienziato Dr Samuel Jones : “Abbiamo ingegnerizzato con successo una nuova molecola, che è uno zucchero modificato che mostra proprietà antivirali ad ampio spettro”.

La nuova sostanza chimica è attualmente in fase di richiesta di brevetto e potrebbe avere un ulteriore utilizzo in termini di additivo per creme e unguenti, per favorire l’uccisione antivirale, come unguenti venduti in farmacia per affrontare condizioni come l’herpes.

Fonte: Il nuovo prodotto chimico è stato riportato sulla rivista Science Advances.