Chiquita Brands, sotto inchiesta del Procuratore Corte penale internazionale

Chiquita Brands International Inc. bananas are arranged for a photograph at Union Street Produce Co. in San Francisco, California, U.S., on Tuesday, Feb. 19, 2013. Chiquita Brands International Inc. is expected to release quarterly earnings data on Feb. 21. Photographer: David Paul Morris/Bloomberg via Getty Images

Tempo di lettura: 2 minuti

l’Ufficio del Procuratore della Corte penale internazionale (ICC) ha divulgato la sua relazione annuale di attività sulla Colombia e per la prima volta ha fatto riferimento al caso del commerciante di banani nella sezione “Procedure relative a la promozione e l’espansione dei gruppi paramilitari ”, il che indica che questo processo, che ha avuto molteplici ostacoli nella giustizia nazionale, sarà monitorato dall’Ufficio del Procuratore di quella corte.

Il Paese è sotto esame preliminare della CPI dal giugno 2004 e il risultato di ciò è la costante osservazione fatta da questa istanza di giustizia internazionale su quegli aspetti che violano lo Statuto di Roma, inclusi i crimini contro l’umanità e i crimini di guerra, su cui ha affermato che, dal 1 ° novembre 2002, per il primo di essi e dal 1 ° novembre 2009, per il secondo, sono stati commessi nel paese da “attori diversi”.

Il risultato di questa osservazione è questo nuovo rapporto in cui si riferiva a come si è evoluto il processo di azione penale nei confronti di coloro che, essendo manager o dipendenti di , hanno subito il crimine di concerto per commettere un crimine, per la loro possibile responsabilità nel finanziamento di gruppi paramilitari nell’Urabá antioqueño.

“Durante il periodo di riferimento, il procuratore generale ha avviato un procedimento contro uomini d’affari presumibilmente coinvolti nel finanziamento di operazioni di gruppi paramilitari che operano in diverse regioni della Colombia, almeno dal 2002”, si legge nel rapporto annuale. della Procura della CPI, sotto la direzione di Fatou Bensouda.

Di conseguenza, ha dettagliato le ultime azioni che il procuratore colombiano in questo caso: “Nell’agosto 2018, il procuratore generale ha emesso un atto d’accusa contro 13 dirigenti e dipendenti della società Chiquita Brands (filiali Banadex e Banacol) per il presunto crimine di concerto per commettere crimini per finanziare il fronte paramilitare “Arlex Hurtado”, che ha operato nelle regioni di Urabá e Santa Marta, tra il 1996 e il 2004.

La multinazionale delle banane ha riconosciuto davanti alla giustizia nordamericana che tra il 1997 e il 2004 hanno donato 1,7 milioni di dollari alle forze di autodifesa della Colombia (Auc) attraverso una strategia che consisteva nel pagare tre centesimi per scatola esportata, motivo per cui ha concordato pagare una multa di 25 milioni di dollari; tuttavia, né negli Stati Uniti né in Colombia nessun dirigente aziendale è stato perseguito penalmente.

L’inclusione del caso di Chiquita Brans nelle relazioni periodiche dell’Ufficio della Procura della CPI è stata richiesta dal maggio dello scorso anno da un gruppo di organizzazioni non governative che ha richiesto il riesame delle pratiche degli amministratori che hanno autorizzato tali pagamenti e l’attenzione è stata mantenuta per il processo davanti alla giustizia colombiana.

Come questo portale ha rivelato in quell’occasione, la petizione è stata promossa dalla Federazione Internazionale dei Diritti Umani (FIDH); il programma sui diritti umani dell’Università di Harvard; il collettivo di avvocati José Alvear Restrepo; e la comunità della pace di San José de Apartadó.

Fonte