Centro europeo per la criminalità informatica

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Centro europeo per la ( EC3 o EC³ ) è l’organo dell’Ufficio di polizia (Europol) dell’ (UE), con sede a L’Aia , che coordina le attività transnazionali di contrasto della informatica e funge da centro tecnico competenza in materia.

Quando è stato lanciato ufficialmente l’11 gennaio 2013, il Centro europeo per la criminalità informatica non avrebbe dovuto essere pienamente operativo fino al 2015. È iniziato con uno staff di 30 persone, con piani di espansione a 40 entro la fine del 2013. È iniziato operazioni con un budget di circa 3,6 milioni di euro.

Struttura organizzativa e personale chiave
Il capo di EC3 riferisce direttamente al capo di Europol. La prima persona a capo del dipartimento fu l’ex capo dell’intelligence domestica danese, Troels Oerting [ de ] , che lasciò l’Interpol nel gennaio 2015 per diventare Chief Intelligence Security Officer di Barclays .

Responsabilità e cooperazione con altri organismi
L’EC3 ha avuto il compito di assistere gli Stati membri nei loro sforzi per smantellare e interrompere le reti di criminalità informatica e sviluppare strumenti e fornire formazione.

EC3 collabora con il Centro di intelligence e situazione dell’Unione europea (INTCEN), l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNDCP), l’ Organizzazione mondiale delle dogane (WCO), l’ Agenzia europea della guardia di e costiera (EBCG, nota anche come Frontex), e l’ Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF).

I del 2015 hanno anche rivelato che EC3 lavora con i servizi di americani, come il Federal Bureau of Investigation (FBI).

Vi sono alcune sovrapposizioni con le responsabilità dell’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA).

In una conferenza stampa del 10 febbraio 2014, interrogato sul massiccio furto di identità scoperto dall’Ufficio federale tedesco per la sicurezza delle informazioni , l’allora capo dell’EC3, Troels Oerting, ha dichiarato che la sua unità non era responsabile della lotta contro “l’hacking motivato politicamente e / o spionaggio contro le istituzioni dell’UE “.

Attività
Nel febbraio 2014, Troels Oerting ha riferito dei successi che l’unità aveva avuto nel 2013. Tra questi, la cattura di estorsori di , con 13 arresti. Erano stati anche coinvolti nella lotta contro gli attacchi di malware alle tramite botnet e – in collaborazione con Microsoft ed esperti dell’Ufficio federale tedesco di polizia criminale – abbattendo la botnet ZeroAccess . Nel 2014 sono stati svelati dettagli dell’Operazione Onymous , che ha abbattuto numerosi siti Darknet , tra cui Pandora, Cloud 9, Hydra, , Topix, Flugsvamp, Cannabis Road, Black Market e Silk Road 2.0 .

Nel 2015, i media americani hanno riferito di un’operazione coordinata dell’FBI con l’assistenza di EC3 per abbattere Dark0de , la più grande piattaforma di comunicazione e commercio in inglese per informatici.

Stati partecipanti
Oltre agli Stati membri dell’UE, esiste una cooperazione con numerosi altri stati, tra cui Australia , Canada , Repubblica di Macedonia , Norvegia , Svizzera , Monaco , Bosnia ed Erzegovina , Colombia , Moldavia , Russia , Turchia , Repubblica di Serbia , Montenegro , Ucraina e Stati Uniti .

Fonte
wikipedia.org