Catatumbo, terra senza legge tra Colombia e Venezuela

Tempo di lettura: 3 minuti

Catatumbo, è una regione senza legge, nelle mani dei guerriglieri che combattono fino alla morte per il controllo del territorio, al confine con il Venezuela. E’ il secondo posto ove c’è la piantagione di coca di 28.000 ettari, secondo le Nazioni Unite, oltre ad essere un’importante fonte di produzione di petrolio.

Il tasso annuale di omicidi è “quasi 79 per centomila abitanti, circa tre volte quello nazionale”.

L’anno scorso sono state uccise 231 persone e “i dati preliminari indicano che da gennaio a giugno 2019 ce ne sono 114″, afferma il documento.

Tra gli uccisi, dal 2017 sono stati notati quattordici difensori dei e leader sociali.

Rifiutare i raccolti di coca o manifestare qualcosa contro i gruppi armati spesso comporta ricevere minacce, intraprendere l’esodo o essere uccisi a colpi di arma da fuoco .

La Colombia è il più grande produttore del mondo, tra 150.000 e 180.000 famiglie coltivano questa foglia.

Quasi il 46% dei loro agricoltori è costituito da donne e il 29% da capo famiglia. Non sono trafficanti di . Sono agricoltori che lavorano il terreno ed hanno subito tutte le conseguenze di essere legati a un’economia criminalizzata e stigmatizzata.

La coca nel nord di Santander, la regione alla quale appartiene Catatumbo, non è solo illegale, è potente. Il inizia a livello locale con la .

María Carvajal, riconosciuta leader sociale dell’Associazione Campesino di Catatumbo, (ASCAMCAT), con una dura storia di spostamenti e violenza, afferma di non averla mai coltivata, ma ci vive.

È più facile trasportare un chilo o due di pasta base in una borsa e camminare per 10 ore piuttosto che prendere 20 o 30 carichi di che non ti ripagano nemmeno per il costo di trasporto” afferma María Carvajal.

È sintomatico quando il denaro ricircola all’interno della stessa economia perché chi gestiosce il bordello è lo stesso che dice alla gente: ‘Ti do i soldi per piantare la coca, ma ti vendo i prodotti chimici per fare la pasta base. Ti compro la pasta base, ma metto anche i negozi che vendono cibo e liquori e metto anche le attività delle donne”. Tutto sotto gli occhi della forza pubblica in una regione altamente militarizzata con circa 10.000 soldati e altri 5.000 agenti di polizia, vale a dire praticamente un soldato ogni 10 abitanti“, spiega una fonte vicina all’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC).

Nel Catatumbo, delle 13.000 famiglie stimate che coltivano coca, solo 3.000 hanno firmato il PNIS. Per il coordinatore nazionale dei coltivatori di coca, papavero e (COCCAM), il governo non ha socializzato abbastanza.

Tra i firmatari, molti hanno già iniziato a distruggere le loro piante, ma il governo ha elargito, in alcuni casi, solo sussidi temporanei e assistenza tecnica. Non sono arrivati progetti di produzioni alternative.

Il contadino si sente imbrogliato e sarà costretto a rivalutare il tutto. In Catatumbo abbiamo proposto una sostituzione graduale in 10 anni perché non si tratta solo di cambiare un raccolto con un altro. Abbiamo bisogno di terreni, abitazioni, scuole, posti di cura, strade, progetti produttivi e linee di marketing“, afferma Carvajal.

La scomparsa di due e un cameraman nel Catatumbo, a nord di Santander, ha messo gli occhi su questa regione, assediata da gruppi armati illegali, ma anche colpita dallo sfruttamento di idrocarburi e dalla semina della foglia di coca per uso illecito. Storicamente, è stato un teatro di guerra.

Le difficoltà che devono affrontare le comunità Catatumbo non sono per ora, in quanto sembra essere il risultato della scomparsa del giornalista Salud Hernández, editorialista di El Tiempo e corrispondente del quotidiano El Mundo, nonché del comunicatore Diego D` Pablos e del cameraman Carlos Melo, che fornisce i propri servizi a RCN Televisión. Secondo dati ufficiali, quest’anno sono stati uccisi più di 30 civili e Henry Perez, il capo contadino di La Gabarra, è scomparso da quattro mesi.

Nel Catatumbo, la realtà della guerra continua a far vivere in questo modo. Il controllo del della coca lasciato dalle FARC è stato preso da ELN ed EPL, gli altri due gruppi guerriglieri che hanno una forte influenza in quest’area che non ha vissuto un minuto di tranquillità negli ultimi tre decenni, subendo una forte violenza paramilitare e condividendo, nel bene e nel male, 140 chilometri di confine con il Venezuela.

Fonti
Javier Sulé Ortega, pubblicato su Planeta Futuro
Salude HD Mora – ELMundo
verdadabierta.com