Catania, neonato 12 mesi salvato da malformazione intestinale

Tempo di lettura: 1 minuto

L’Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione “Garibaldi” a Catania, il 13 Dicembre 2019, ha operato un piccolo neonato di 12 mesi di provenienza dalla Repubblica di Moldova, nato con una rarissima malformazione intestinale, che lo avrebbe indotto alla morte in pochi mesi.

L’operazione è stata possibile grazie alla segnalazione della Fondazione umanitaria Moldova “Aiuto”, presso Chisinau (Repubblica di Moldova), all’ di Malta OSJ che si è subito attivato nella concretizzazione del particolare intervento ospedaliero.

.+.

Con i principi e i valori di una volta e a favore della Vita Umana, l’Ordine dei , persegue sempre le proprie finalità seguendo sempre il proprio motto: “PRO FIDE, PRO UTILITATE HOMINUM”.

.+.

NOTA DI REDAZIONE
L’ostruzione intestinale fa parte di quelle patologie, che non possono essere diagnosticate con certezza prima della nascita. L’ecografia morfologica solitamente non dà alcun segno, e, se l’ostruzione è molto distale, ad esempio nel caso dell’ano imperforato, i segni ecografici mancano del tutto. La prognosi è solitamente positiva, ma dipende dalla lunghezza del tratto intestinale interessato. Infatti, se il chirurgo fosse costretto ad asportare lunghi tratti di intestino, ci potrebbero essere problemi, legati al malassorbimento (“sindrome dell’intestino corto”). (medicinamaternofetale.it)

———–
La notizia è stata diffusa in pagine e gruppi dei social net Linkedin, Facebook, Twitter, ed altri.