Case di moda produrranno dispositivi di protezione individuale (DpI)

Tempo di lettura: 2 minuti

Prada sta partecipando al cambiamento della sua linea di produzione, che di solito si concentra su giacche e bluse eleganti per soddisfare le esigenze dei dispositivi di protezione individuale (DPI) che si stanno assottigliando nel mezzo della crisi del virus corona.

“Dopo una richiesta urgente dalla regione Toscana, Prada ha accettato di impegnarsi a fabbricare 80.000 indumenti protettivi e 110.000 maschere mediche”, come citato da Dazed, mercoledì (25/03/2020).

Prada ora sta seguendo le orme di e Zara per produrre DPI. La fornitura e l’accessibilità di questi articoli continuano a diminuire a causa della in corso, soprattutto in Italia, i DPI verranno successivamente assegnati alle istituzioni mediche in tutta la regione Toscana.

Questi articoli saranno prodotti nello stabilimento di Prada a Montreal e verranno distribuiti ogni giorno, dove l’intero set di verrà inviato il 6 aprile 2020.

L’Italia è ora il paese in Europa più colpito dal virus della corona, dove Milano e la Lombardia sono al centro di una pandemia, Prada ha donato attrezzature mediche ad alcuni dei più grandi di Milano.

Con e Dry Group che hanno annunciato l’intenzione di produrre 43 milioni di maschere per la Francia qualche giorno fa, Pyer Moss ha anche trasformato i loro uffici a New York City in un centro di donazione di coronavirus, mentre il British Fashion Council sta sollecitando i designer, con strutture, a contribuire alla produzione maschera per il viso.

Riferito attraverso il Guardian, un certo numero di marchi della mondiale come Zara, originario della Spagna, ha dichiarato che produrrà maschere chirurgiche e che hanno donato 10.000 maschere e 300.000 maschere aggiuntive da distribuire questo fine settimana.

La mossa per convertire la fabbrica in produzione di è una continuazione della decisione LVMH, che ospita Dior, , Louis Vuitton e Givenchy, per produrre disinfettanti per le mani che sono diventati scarsi in diversi paesi del mondo, nelle loro fabbriche di profumi.

Oltre a Prada, altri noti marchi di moda come Moncler hanno annunciato una donazione di 10 milioni di euro per l’acquisto di letti per pazienti a Milano.

Sempre a Milano, due nuove unità di sono state donate dal co-CEO di Prada Patrizio Bertelli e e dal presidente Carlo Mazzi, in ciascuno dei tre più grandi ospedali della città.

La scorsa settimana Donatella Versace ha donato oltre 200.000 USD per un’unità di terapia intensiva presso l’ospedale San Raffaele di Milano. Mayhoola, la società madre di Valentino e Balmain, ha donato 2 milioni di dollari USA per gli sforzi per combattere il virus della corona.

Secondo quanto riferito, ha anche donato 4 milioni di dollari ai quattro ospedali più trafficati in Italia, mentre l’amministratore delegato di Gucci, Marco Bizzarri, ha donato 100.000 dollari agli ospedali nel nord Italia Emilia-Romagna, una delle aree più colpite del paese.

Fonte : Kabar24