Calligraffiti, uno stile che unisce i graffiti alla calligrafia araba

Tempo di lettura: 1 minuto

“El Seed” – il cui pseudonimo è una commedia su un titolo conferito al signore spagnolo dell’XI secolo Rodrigo Diaz – è un pioniere di “calligraffiti”, uno stile che unisce i alla calligrafia araba.

Da quando è salito alla ribalta per la prima volta con un murale che commemora la rivoluzione tunisina nel 2012, l’ ha continuato a creare opere d’arte pubbliche spettacolari ovunque dalla zona smilitarizzata tra la Corea del Nord e del Sud fino a un quartiere copto cristiano del Cairo.

Il 38enne ha girato il mondo ma la sua casa è , dove lavora in uno studio all’interno del complesso di Alserkal Avenue, un quartiere culturale alla moda pieno di gallerie d’arte e luoghi di ritrovo sociale.

L’artista franco-tunisino ha realizzato murali spettacolari in tutto il mondo.

Fonte