Bound4blue energy shipping industry

Tempo di lettura: 1 minuto

Bound4blue, fondata da tre ingegneri aeronautici, chiama queste strutture intelligenti “ali di ” e possono essere adattate a di tutte le dimensioni per fornire una spinta efficace dai venti oceanici, riducendo i requisiti di potenza del motore. Bound4blue afferma che la sta attualmente “offrendo di carburante e riduzioni delle di inquinanti fino al 40%”.

L’ Organizzazione marittima internazionale delle riferische che l’ navale globale genera più di un miliardo di tonnellate di all’anno, equivalenti a circa il 2-3% dei totali globali.

Le 16 navi più grandi del mondo emettono sia zolfo che l’intera flotta mondiale di automobili. A parte l’inquinante, questo è inefficiente dal punto di vista commerciale. Una tale combustione del carburante rappresenta l’80% dei costi operativi di una nave.

Il cellulare, i vestiti, le auto, la benzina … Praticamente qualsiasi prodotto arriva a riva attraverso il mare. Un anno, 10.000 milioni di tonnellate raggiungono la loro destinazione attraverso le quasi 85.000 navi che attraversano gli oceani.

Oltre al carbonio, le navi utilizzano carburante “bunker” economico e sporco per la propulsione del motore, emettendo inquinanti significativi tra cui NOx e SOx. E nessuna di queste emissioni è soggetta a trattati internazionali sui – come gli – a causa della natura internazionale del settore.

Le soluzioni a questo problema sarebbero apprezzate dal settore. Attualmente, fino all’80% circa del costo della spedizione può essere dovuto al consumo di carburante.

Bound4blue ha già convalidato la tecnologia sul campo. Ora è il momento di installare il sistema su due navi, una da pesca e una da carico. Il primo si svolgerà in Perù , in collaborazione con Insenaval Galician engineering , e l’altro in Cantabria, in Spagna , dove ha già partner industriali come Astander .