BOEING VINCE UN CONTRATTO DELLA MARINA DA 43 MILIONI DI DOLLARI PER SOTTOMARINI DRONE

Tempo di lettura: 2 minuti

La ha assegnato a Boeing un contratto da 43 milioni di dollari per la costruzione di quattro dei suoi sottomarini senza pilota (XLUUV) Orca Extra Large e attrezzature di supporto. Costruito in collaborazione con Huntington Ingalls Industries, i sottomarini a pilotaggio remoto di 51 piedi (15,5 m) funzioneranno in ambienti di acque blu grazie a sistemi di autonomi e un modulo carburante che fornisce un’autonomia di 6.500 miglia (7.480 mi / 12.038 km).

Veicoli subacquei senza equipaggio (UUV) sono in circolazione da tempo e stanno diventando sempre più comuni nelle operazioni navali e civili, ma finora sono stati piccoli, a corto raggio e limitati alle loro navi ospiti.

Le operazioni sott’acqua delle acque blu sono state la riserva di grandi sottomarini con equipaggio, ma l’acquisto dell’Orca indica che la Marina degli riconosce la crescente importanza dei sottomarini robotici nella flotta.

Derivato da Echo Voyager della Boeing, l’Orca è a propulsione diesel-elettrica e può essere utilizzato per contromisure, contromisure anti-, anti-superficie, elettronica e missioni di sciopero, tra le altre applicazioni. Ha un’architettura aperta, una costruzione modulare che include una baia di carico utile lunga 10,4 m con un volume di 2000 piedi cubici (56,6 m3).

L’Orca non richiede altre navi per il lancio, il o il supporto a causa della sua autonoma guida e controllo, navigazione, consapevolezza della situazione, comunicazioni principali, distribuzione dell’energia, propulsione e manovra e sistemi di sensori di missione. Essere senza equipaggio significa anche che non richiede sistemi di supporto vitale, e può rimanere sommerso per mesi alla volta.

Fonte: Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti tramite USNI