Bielorussia, disordini post-elettorali: revocato accreditamento numerosi giornalisti

Condividi nei social net

Le autorità bielorusse hanno tolto l’accreditamento ad almeno 17 giornalisti di importanti testate giornalistiche straniere che hanno seguito le turbolenze del paese a seguito delle contestate elezioni presidenziali.

I giornalisti presi di mira includono dipendenti delle principali testate giornalistiche occidentali, tra cui RFE / RL, BBC, Associated Press, Reuters, Agence-France Presse, la televisione tedesca ARD, Deutsche Welle e Radio France. Senza accreditamenti, i giornalisti non sono legalmente autorizzati a raccogliere notizie all’interno del paese.

Due giornalisti dell’Associated Press con sede a Mosca sono stati deportati.

Un portavoce del capo della politica estera dell’Unione europea Josep Borrell ha condannato la revoca delle credenziali di stampa.