Azerbaigian nega consentire a terzi uso suo spazio aereo per attaccare Iran

Tempo di lettura: 1 minuto

Il dell’Azerbaigian ha negato di autorizzare un altro paese a utilizzare il suo per effettuare attacchi contro l’. Il ministero della Difesa azero ha anche sottolineato che l’Azerbaigian non ha mai preso provvedimenti contro l’ e non lo farà in futuro.

La fonte delle sul rilevamento di aerei stranieri nello spazio aereo dell’Azerbaigian è il meno noto sito web di Avia-Pro della Russia. Il sito web di di lunedì ha affermato che i droni che hanno attaccato i siti e nucleari dell’Iran erano stati rilevati dal sistema radar russo.

Negli ultimi giorni ci sono state in due delle principali strutture nucleari e militari dell’Iran: Khojir nella parte orientale di e Natanz nella provincia di Isfahan.

Le autorità iraniane hanno affermato che l’incidente nel primo sito è stato causato dall’esplosione di un serbatoio di stoccaggio del gas, ma hanno ritardato l’annuncio della causa dell’incidente a Natanz “per motivi di ”.

Quando il video dell’esplosione è emerso online, il Ministero della Difesa iraniano ha rapidamente lanciato un portavoce per minimizzare l’incidente. Davoud Abdi, parlando alla televisione di stato, l’ha liquidata come una piccola esplosione in un deposito di gas in una “area pubblica” del complesso militare di Parchin, fuori dalla capitale iraniana.

Un noto ex sito di attività , un’esplosione nel complesso militare di Parchin sarebbe stato senza dubbio un grave incidente.

Le immagini satellitari suggerirono in seguito che l’esplosione ebbe luogo nel complesso industriale di Hemmat, a est di Teheran e lontano circa 24 km da Parchin.