Australia investirà 270 mld dollari per difesa su minaccia cinese Indo-Pacifico

Australia bandiera

Tempo di lettura: 2 minuti

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha dichiarato che saranno investiti 270 miliardi di dollari australiani per modernizzare le capacità di difesa del paese, nel prossimo decennio, per mantenere la regionale e scoraggiare o rispondere alle “aggressioni” nell’Indo-Pacifico strategico.

Morrison ha detto che l’Indo-Pacifico è stato l’epicentro della crescita strategica e le rivendicazioni territoriali sono in aumento in tutta la regione indo-pacifica, come si è visto recentemente al confine tra India e Cina, il Mar Cinese Meridionale e il Mar Cinese Orientale.

La Cina sta espandendo rapidamente l’influenza militare ed economica nella regione indo-pacifica, suscitando preoccupazione in vari paesi della regione e oltre.

La Cina è anche impegnata in territoriali fortemente contestate sia nel Mar Cinese Meridionale che nel Mar Cinese Orientale.

Pechino ha costruito e militarizzato molte delle isole e delle barriere coralline che controlla nella regione. Entrambe le aree sono dichiarate ricche di minerali, petrolio e altre risorse naturali e sono vitali per il commercio globale.

“Le sfide e la natura nell’Indo-Pacifico hanno significato che abbiamo bisogno di un nuovo approccio e di uno che cerca attivamente di dissuadere le azioni che sono contro i nostri interessi”, ha detto il primo ministro.

Morrison disse che il mondo stava cambiando rapidamente dopo lo scoppio della COVID-19. “Questa semplice verità è questa: anche mentre fissiamo la pandemia di COVID a casa, dobbiamo anche prepararci per un mondo post-COVID che è più povero, più pericoloso e più disordinato”, ha affermato il premier.

“Il rischio di errori di calcolo e persino di conflitti sta aumentando. La modernizzazione militare regionale sta avvenendo a un ritmo senza precedenti”, ha detto Morrison. “Devi avere un deterrente responsabile e l’ svolge un ruolo importante nella nostra regione, lavorando con altri, in particolare come India, Giappone e molte altre nazioni, l’, proprio nell’Indo-Pacifico”, ha detto.

India, Australia, Stati Uniti e Giappone fanno parte del Quadrilateral Dialogue (Quad), un gruppo informale che condivide l’ e conduce .