Aston Martin salvata con $ 657 milioni dal miliardario Lawrence Stroll

Tempo di lettura: 2 minuti

Un gruppo di investitori guidati dal miliardario canadese, dal magnate della moda e dal proprietario del team di Formula 1 Racing Point Lawrence Stroll ha appena acquisito una partecipazione del 16,7% in per l’equivalente britannico di circa 239 milioni di dollari.

Il gruppo ha battuto Geely, la cinese che possiede anche Volvo e Lotus, acquistando un pezzo della di lusso britannica, riferisce Autocar.

L’investimento è stato un sollievo finanziario per Aston dopo che la società ha sperimentato “la deludente performance del business fino al 2019”. Nel 2018, l’ Aston Martin è stato valutato in quasi $ 6 miliardi mentre oggi vale solo poco più di $ 1,3 miliardi. La transazione di venerdì ha anche comportato un’infusione in contanti di $ 418 milioni da Stroll per un incremento finanziario complessivo di circa $ 657 milioni (o, come numero circolare, 500 milioni di sterline inglesi).

Stroll entrerà a far parte dell’azienda come presidente, mentre Andy Palmer rimarrà come CEO. Riduzione dei costi per circa 13 milioni di dollari all’anno e si prevede uno shakeup del personale, con la società che venerdì ha rilasciato un comunicato stampa che nomina nuovi responsabili per i suoi dipartimenti tecnici, di vendita e di , oltre a spostare il presidente del suo braccio americano nel suo Comitato esecutivo.

Cosa significa tutto questo per il marchio? Bene, per cominciare, il team Racing Point F1 di proprietà di Stroll (precedentemente SportPesa, precedentemente Force India, in precedenza qualcos’altro …) sarà noto come Aston Martin F1 a partire dal 2021. Anche la strategia di auto da strada di Aston Martin subirà un rinnovamento . L’imminente rilancio del suo sub-marchio Lagonda ultra-lusso e delle prime dell’azienda sono stati ritardati fino al 2025, mentre il progetto elettrico Rapide E è stato “sospeso in attesa di una revisione”.

AM collaborerà con Red Bull Advanced Technologies fino a quando quest’anno non uscirà l’ hypercar Valkyrie da 1.160 CV, ma se le due società continueranno a lavorare insieme oltre questo – incluso lo sviluppo finale sul Valhalla che uscirà nel 2022 – è in arrivo aria. Post-Valhalla, Aston è prevista per la consegna di un nuovo a motore centrale e di un “motore V-6 modulare a basso consumo di carburante con capacità ibride”.

Fonte : The Drive