Asia, trasformazione da continente povero a potenza economica globale

Tempo di lettura: 3 minuti

L’ copre un’area di 44.579.000 chilometri quadrati (17.212.000 miglia quadrate), circa il 30% della superficie terrestre totale e l’8,7% della superficie totale terrestre. La Cina e l’ India si alternarono per essere le più grandi economie del mondo dall’1 al 1800 d.C. La Cina era una grande potenza economica e attirò molti ad est, e per molti la leggendaria e prosperità dell’antica cultura dell’India personificava l’Asia, attirando il commercio, l’esplorazione e il colonialismo europei.

L’Asia ha mostrato dinamismo economico (in particolare dell’Asia orientale) e una forte crescita della popolazione nel corso del XX secolo, ma da allora la crescita complessiva della popolazione è diminuita.

L’Asia ha la più grande economia continentale del PIL nominale e del PPP nel mondo ed è la regione economica in più rapida crescita.

Secondo lo storico economico Angus Maddison nel suo libro The World Economy: A Millennial Perspective , l’India ha avuto l’economia più grande del mondo durante il 0 a.C. e il 1000 a.C. La Cina è stata la più grande e avanzata economia della terra per gran parte della storia registrata, fino a quando l’ Impero britannico (esclusa l’ India ) la raggiunse a metà del XIX secolo.

Nel 1820, l’Asia rappresentava i due terzi della e oltre la metà del reddito globale. Il successivo declino dell’Asia fu attribuito alla sua integrazione con un’ modellata dal colonialismo e guidata dall’imperialismo.

Alla fine degli anni ’60, l’Asia era il continente più povero del mondo quando si trattava di livelli di reddito, marginali tranne che per la sua grande popolazione. I suoi indicatori sociali di sviluppo, tra i peggiori in assoluto, incarnavano il suo sottosviluppo. Il profondo pessimismo sulle prospettive economiche dell’Asia, espresso dall’economista svedese Gunnar Myrdal nel suo libro Asian Drama del 1968 , era molto diffuso all’epoca.

Da allora, nella metà del secolo, l’Asia ha assistito a una profonda trasformazione in termini di progresso economico delle sue nazioni e delle condizioni di vita della sua gente. Nel 2016, come mostra la mia analisi dei dati delle Nazioni Unite , rappresentava il 30% del reddito mondiale, il 40% della e oltre un terzo del , mentre il suo reddito pro capite convergeva verso la media mondiale.

Questa trasformazione era ineguale tra i paesi e tra le persone. Anche così, prevederlo avrebbe richiesto una fantasia sfrenata. La trasformazione economica dell’Asia in questo breve lasso di tempo è quasi senza precedenti nella storia. Il mio nuovo libro, Resurgent Asia , esamina questo fenomenale cambiamento.

Date le dimensioni e la diversità del continente asiatico, guardare alla regione nel suo insieme non è sempre appropriato.

Quindi, nella mia ricerca, ho disaggregato l’Asia nelle sue quattro sotto regioni costituenti – Est, Sud-Est, Sud e Ovest – e in più in 14 paesi selezionati descritti come l’Asia-14.

Questi sono Cina, Corea del Sud e Taiwan nell’Asia orientale; Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore, Tailandia e Vietnam nel sud-est asiatico; Bangladesh, India, Pakistan e Sri Lanka nell’Asia meridionale; e la Turchia nell’Asia occidentale.

Questi paesi rappresentano oltre i quattro quinti della popolazione e delle entrate del continente.

Il Giappone non è incluso nello studio perché è ad alto reddito in Asia ed era già industrializzato 50 anni fa.

I tassi di crescita del PIL e pro capite in Asia sono stati sbalorditivi e molto più alti che in altre parti del mondo.

L’aumento dei tassi di investimento e di risparmio combinato con la diffusione dell’istruzione sono stati i fattori sottostanti.

La crescita è stata guidata da una rapida industrializzazione, spesso guidata dalle esportazioni e collegata a cambiamenti nella composizione della produzione e dell’occupazione. L’aumento dei redditi pro capite ha trasformato gli indicatori sociali dello sviluppo, poiché i tassi di alfabetizzazione e l’aspettativa di vita sono aumentati ovunque. C’è stata anche una forte riduzione della povertà assoluta.

La scala della povertà assoluta però persiste, causa l disuguaglianza tra le persone all’interno dei paesi edè aumentata quasi ovunque, ad eccezione della Corea del Sud e di Taiwan. Tuttavia, il divario tra i paesi più ricchi e più poveri dell’Asia rimane ed il rapporto tra PIL pro capite, nel paese più ricco ed in quello più povero dell’Asia, è superiore a 100: 1 sia nel 1970 che nel 2016.

L’ascesa dell’Asia rappresenta l’inizio di uno spostamento dell’equilibrio del potere economico nel mondo e di una certa erosione nel dominio politico dell’Occidente. Il futuro sarà modellato in parte da come l’Asia sfrutta le opportunità e affronta le sfide e, in parte, da come si sviluppa la difficile congiuntura economica e politica globale.

Entro il 2050 l’Asia rappresenterà più della metà del reddito mondiale e avrà un significato economico e politico nel mondo.

Ringrazio fonti di vario tipo dal quale ho raccolto queste informazioni:
“L’Asia ha più milionari che l’Europa” . Toronto. Archiviato dall’originale il 25 giugno 2011
“FMI (Edizione WEO ottobre 2019) PIL nominale pro capite – dollaro internazionale” .
“Il vero grande balzo in avanti” . The Economist . 30 settembre 2004. Archiviato dall’originale il 27 dicembre 2016. Bureau of East Asian and Pacific Affairs (2009). “Largest_Economies_in_Asia” . Aneki.com . Estratto il 9 novembre 2017. Wikipedia.org.