ASCC Kuwait lancia programma arti visive a Venezia

Tempo di lettura: 3 minuti

Il Centro Culturale dello Sceicco Al Salem , altrimenti noto come ASCC, è un colossale complesso museale che ospita sei diverse istituzioni: un Museo di Storia Naturale, il Museo della Scienza, il Museo di Storia Islamica, il Museo dello Spazio, il Centro di Belle Arti e il teatro. È il più grande del suo genere in con lo scopo di promuovere l’apprendimento e la consapevolezza interculturale.

L’iniziativa più recente del centro è quello di invitare gli artisti kuwaitiani emergenti a richiedere uno spazio espositivo, in cui viene data la possibilità di lavorare ed avere delle opportunità di esibirsi all’estero.

Questa estate segna la prima edizione del programma, lanciato all’inizio di questo mese con l’apertura di un gruppo, dal titolo “Nel mio sogno ero in Kuwait” alla Scuola dell’Arte dei Tiraoro e Battioro .

L’edificio stesso è ricco di storia artistica di ; un tempo era la sede della corporazione di artisti e creatori di fili d’oro e foglie d’oro. Ora l’edificio offre un grande spazio per eventi e mostre in uno dei luoghi più pittoreschi del mondo.

Dalle finestre superiori della galleria, puoi osservare le barche che galleggiano lungo il Canal Grande e quasi immaginare che sei scivolato indietro nel tempo. In quanto tale, l’attuale esposizione dell’ kuwaitiana crea un contrasto interessante, unendo non solo due culture distinte, ma anche epoche.

Lo spettacolo è diviso in due parti con il lavoro di tre artisti (Amani Althuwaini, Mahmoud Shaker e Zahra Marwan) attualmente in mostra fino ad agosto, quando i tre artisti successivi prenderanno il loro posto.

Le ad acquerello su piccola scala di Marwan, che occupano lo spazio della galleria al primo piano, hanno una qualità da libro illustrato sia per quanto riguarda le pennellate leggere che per i descrittori narrativi.

La descrizione di After the Fish Market recita: “Sono stato in grado di scegliere il mio pesce al mercato, e ho pensato che sarebbe tornato in vita a casa”. Eppure, molte di queste opere in miniatura sono pervase da un’aura di malinconia e nostalgia, che ritraggono personaggi persi nella nostalgia e negli stati di mezzo sonno.

Le opere di Shaker nello spazio superiore della galleria contengono anche un elemento di narrazione, che combina e pittura con linee scritte a mano dalla sua stessa poesia in arabo. Mentre potremmo non essere in grado di capire il verso, il lettering conferisce all’opera l’aspetto di un’altra epoca, creando così una tensione intrigante tra tradizione e soggetto contemporaneo.

Il lavoro di Althuwaini, tuttavia, è il più sorprendente sia per composizione che per temi. Present Tense descrive un cassettone di grandi dimensioni, che rimanda alla tradizione della dote kuwaitiana e alle sue manifestazioni contemporanee. La piattezza del pezzo presenta una critica sulla moderna prioritizzazione della quantità piuttosto che sulla qualità.

Parole ricamate d’oro che galleggiano su un velo contro un muro bianco
Particolare dell’opera d’arte di installazione Non è una tua scelta di Amani Althuwaini.

Un’altra delle installazioni di Althuwaini, intitolata Non è la vostra scelta, è appesa al soffitto in un angolo della galleria superiore. Questo è un velo da sposa ricamato con la storia dell’amico dell’artista che ha accettato un matrimonio combinato a causa dell’eleggibilità percepita dello sposo. Il velo stesso è traslucido, mentre il lettering dorato appare audace, provocatorio e doppiamente inciso dalla luce del sole mentre proietta ombre delle parole contro le pareti.

Mentre queste opere offrono al pubblico approfondimenti sulle pratiche e le culture artistiche del Medio Oriente, gli artisti stessi sono invitati a esplorare la tradizionale arte veneziana attraverso laboratori con tessitori Tessitura Bevilacqua e il vetraio Leonardo Cimolin tra gli altri. L’idea centrale è che gli artisti kuwaitiani troveranno ispirazione per la loro pratica contemporanea con metodi antichi, e così continueranno il dialogo interculturale.

“Nel mio sogno sono stato in Kuwait” fino al 28 novembre 2019 alla Scuola dell’Arte dei Tiraoro e Battioro, Venezia.

Per maggiori informazioni visita: ascckw.com