Airbus UK vince un nuovo contratto per rover

Tempo di lettura: 2 minuti

Il sito Stevenage dell’azienda sta guidando il progetto rover , parte della campagna Mars Sample Return della Nasa e dell’ europea (ESA).

La missione del rover Mars della Nasa 2020 Perseverance raccoglierà suoli marziani e campioni di roccia e li lascerà in superficie in piccoli tubi di metallo. Dopodiché, la Nasa prevede di lanciare l’ESA Sample Fetch Rover per raccogliere le provette.

Atterrando nel 2028, il rover viaggerà in media 200 m al giorno per sei mesi per trovare e raccogliere i campioni. Raccoglierà fino a 36 tubi, li riporterà al lander e li posizionerà in un Mars Ascent Vehicle, che li lancerà in orbita attorno a . Un altro veicolo spaziale sviluppato dall’ESA con un carico utile della NASA, Earth Return Orbiter, raccoglierà i campioni dall’orbita marziana e li riporterà sulla Terra.

Gli studi iniziali per il Sample Fetch Rover sono in corso presso Airbus a Stevenage da luglio 2018. Il team ha sviluppato sofisticati algoritmi per individuare le provette sulla superficie marziana e un braccio robotico dedicato con un’unità di presa per raccogliere le provette è in fase di con un pool di industrie europee.

La Sample Fetch Rover avrà quattro ruote, più grandi delle sei ruote flessibili sulla ExoMars Rover, ma riduce massa e complessità. Il tipo, le dimensioni e il numero di ruote sono stati scelti per affrontare meglio il terreno del sito di atterraggio selezionato e con la velocità e le prestazioni richieste per raggiungere la posizione del deposito e restituire i campioni a tempo debito al lander.

Le ruote presentano sfide poiché il rover deve muoversi più velocemente di ExoMars ma non rimanere bloccato durante il viaggio. Sarà necessario percorrere più di 15 km attraverso la superficie, trovando e raccogliendo fino a 36 delle 43 provette lasciate dal rover Perseverance. I campioni dovrebbero tornare sulla Terra nel 2031.

Nel novembre 2019 il Regno Unito ha impegnato 180 milioni di sterline per il programma di globale dell’ESA per garantire all’industria britannica un ruolo di primo piano nella missione di riportare i primi campioni da Marte e supportare le ambizioni della NASA di riportare gli umani sulla Luna.