Agricoltura, Oltre la nutraceutica: una prospettiva per il futuro

Tempo di lettura: 3 minuti

Nel luglio del 2019 la Foragri ha organizzato un Convegno dal titolo “ dell’”. Alcuni nostri colleghi, fra i quali un nostro collaboratore, non hanno ben compreso questo abbinamento che pareva essere più che un convegno una promozione pubblicitaria di un fondo economico.

Ci preme scrivere, in questo nostro contenitore d’informazione, cos’é la nutraceutica, ovvero un termine generico che viene utilizzato per descrivere qualsiasi prodotto derivato da fonti alimentari, con benefici per la salute in aggiunta al valore nutrizionale di base che si trova negli alimenti.

Possono essere considerate terapie biologiche non specifiche utilizzate per promuovere il benessere generale, controllare i sintomi e prevenire i processi maligni.

Il termine “nutraceutico” combina due parole: “nutriente” (una componente alimentare nutriente) e “farmaceutica” (una medicina).

Il nome è stato coniato nel 1989 da Stephen DeFelice, fondatore e presidente della Foundation for Innovation in Medicine, un’organizzazione americana con sede a Cranford, nel New Jersey.

La filosofia alla base dei nutraceutici è quella di concentrarsi sulla prevenzione, secondo il detto di un medico greco Ippocrate (noto come il padre della medicina) che ha affermato che “lascia che il cibo sia la tua medicina”. Il loro ruolo nella nutrizione umana è una delle aree di indagine più importanti, con implicazioni di vasta portata per i consumatori, i fornitori di assistenza sanitaria, i regolatori, i produttori di alimenti e i distributori.

La definizione di nutraceutici e prodotti correlati dipende generalmente dalla fonte. Possono essere classificati sulla base delle loro fonti naturali, delle condizioni farmacologiche e della costituzione chimica dei prodotti. Molto spesso sono raggruppati nelle seguenti categorie: integratori alimentari, alimenti funzionali, medicinali, prodotti farmaceutici.

Un integratore alimentare rappresenta un prodotto che contiene nutrienti derivati ​​da prodotti alimentari ed è spesso concentrato in forma di liquido, capsula, polvere o pillola. Sebbene gli integratori alimentari siano regolati dalla FDA come alimenti, la loro regolamentazione differisce da droghe e altri alimenti.

Secondo la loro definizione generalmente accettata, gli alimenti funzionali sono una categoria che comprende alimenti integrali e componenti dietetici arricchiti, arricchiti o migliorati che possono ridurre il rischio di malattie croniche e fornire un beneficio per la salute oltre i tradizionali nutrienti in esso contenuti.

Gli alimenti medici sono formulati per essere consumati o somministrati internamente, sotto la supervisione di un medico qualificato. L’uso previsto è una gestione dietetica specifica di una malattia o condizione per la quale i requisiti nutrizionali distintivi sono stabiliti dalla valutazione medica (sulla base di un principio scientifico riconosciuto).

I prodotti farmaceutici sono componenti di valore medico prodotti da colture agricole o animali modificati. Il termine è una combinazione delle parole “fattoria” e “prodotti farmaceutici”. I sostenitori di questo concetto sono convinti che l’uso delle colture (e forse anche degli animali) come fabbriche farmaceutiche sia molto più conveniente rispetto ai metodi convenzionali, con entrate più elevate per i produttori agricoli.

Potenziali benefici per la salute
Nel corso degli anni i nutraceutici hanno suscitato notevole interesse a causa dei loro potenziali effetti nutrizionali, di sicurezza e terapeutici. Potrebbero avere un ruolo in una pletora di processi biologici, tra cui le difese antiossidanti, la proliferazione cellulare, l’espressione genica e la salvaguardia dell’integrità mitocondriale.

Pertanto i nutraceutici possono essere utilizzati per migliorare la salute, prevenire le malattie croniche, rinviare il processo di invecchiamento (e, a sua volta, aumentare l’aspettativa di vita) o semplicemente supportare le funzioni e l’integrità del corpo. Sono considerati fonti salutari per la prevenzione di malattie potenzialmente letali come diabete, disturbi renali e gastrointestinali, nonché diverse infezioni.

È stato dimostrato che un’ampia gamma di nutraceutici impone ruoli cruciali nello stato immunitario e nella suscettibilità a determinati stati patologici. Esibiscono anche malattie che modificano le indicazioni correlate allo stress ossidativo tra cui allergie, morbo di Alzheimer, malattie cardiovascolari, cancro, patologie oculari, malattie del Parkinson e obesità.

fonti
ods.od.nih.gov/factsheets/DietarySupplements-HealthProfessional/
www.mayoclinic.org/…/faq-20057816
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3645360/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4336979/
https://www.ijppsjournal.com/Vol2Issue3/599.pdf
https://www.thepharmajournal.com/vol1Issue11/Issue_jan_2013/4.1.pdf
www.academia.edu/6490176/Nutraceuticals_A_Review_on_current_status

PARTE UNO