Agenzie intelligence Indiane segnalano uso di oltre 50 app cinesi fraudolente

Tempo di lettura: 2 minuti

Le agenzie di indiane hanno consigliato al governo indiano di incoraggiare le persone a smettere di usare fino a 52 app cinesi, citando le preoccupazioni che queste app non sono sicure poiché estraggono grandi quantità di dati di utenti indiani al di fuori del paese.

Secondo un rapporto dei media, l’elenco delle app cinesi che sono state ritenute non sicure per gli utenti indiani include, tra le altre, l’app per le videoconferenze “Zoom” già contrassegnata in rosso, le app di condivisione di video istantanei TikTok e Bigo Live.

La lista include anche la piattaforma di e-commerce di proprietà cinese Shein e il popolare gioco “Clash of Kings”.

Le raccomandazioni delle agenzie di intelligence, supportate dal Segretariato del nazionale, trovano queste app “dannose per la sicurezza dell’”.

Elenco completo delle agenzie cinesi che desiderano che smetti di usare:

TikTok, Vault-Hide, Vigo Video, Bigo Live, Weibo

WeChat, SHAREit, UC News, UC Browser

BeautyPlus, Xender, ClubFactory, Helo, COME

Kwai, ROMWE, SHEIN, NewsDog, Photo Wonder

Browser APUS, VivaVideo- QU Video Inc

Perfect Corp, CM Browser, Virus Cleaner (Hi Security Lab)

Mi Community, registratore DU, YouCam Makeup

Mi Store, 360 Security, DU Battery Saver, DU Browser

DU Cleaner, DU , Clean Master – Cheetah

Studio di app CacheClear DU, Baidu Translate, Baidu Map

Wonder Camera, ES File Explorer, QQ International

QQ Launcher, QQ , QQ Player, QQ Music

QQ Mail, QQ NewsFeed, WeSync, SelfieCity, Clash of Kings

Mail Master, Mi Video call-Xiaomi, Parallel Space

Il rapporto che cita funzionari governativi suggerisce che ci sono input che molte app Android e iOS, sviluppate dagli sviluppatori di app cinesi o lanciate da aziende con supporto finanziario cinese, potrebbero essere utilizzate come spyware o altri articoli dannosi.

È stato riferito che le agenzie di sicurezza avevano consigliato al personale di sicurezza di non utilizzare queste app in vista di un “impatto dannoso” che ciò avrebbe potuto avere sulla sicurezza dei dati.

Fonte