Agenzia Entrate Italia: Contributo a Fondo perduto, ma non per tutti

Tempo di lettura: 1 minuto

La notizia era già arrivata da giorni, ma non eravamo intenzionati nel pubblicarla perché avevamo già intravisto una sorta di complessità farraginosa. Poi abbiamo letto il commento di un assessore toscano su un social net e così ecco la breve notizia sul cosiddetto # a #fondo #perduto de L’Agenzia delle Entrate Italiane.

Sin qui nulla da eccepire, ma…andando a leggere la pubblicazione del provvedimento e della guida operativa, non si riesce a capire quanti possono essere i beneficiari e come verranno assegnati questi denari a .

In pratica le modalità per richiedere i contributi, a fondo perduto, sono destinati a imprese e partite Iva colpite dalle conseguenze economiche dell’emergenza .

Stupendo ? Si…però…eh certo c’è sempre un però…leggendo fra le righe:

Il contributo non spetta, in ogni caso:
• ai soggetti la cui attività risulti cessata alla data di presentazione dell’istanza;
• agli enti pubblici di cui all’art. 74 del TUIR;
• agli intermediari finanziari e società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del TUIR;
• ai contribuenti che hanno diritto alla percezione delle indennità previste dagli artt.
27 e 38 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni,
dalla legge 24 aprile 2020, n. 27;
• ai lavoratori dipendenti e ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria di cui ai decreti legislativi 30 giugno 1994, n. 509 e 10 febbraio 1996, n. 103

Quindi…rivolgetevi al vostro commercialista perché questi contributi a fondo perduto, di consueto sono per pochi eletti, ovviamente fatta eccezione quindi salvo il contrario!