AGCM, Necessario equilibrio tra concorrenza e innovazione per il bene dei consumatori

Gabriella Muscolo, componente AGCM, è intervenuta al ‘Fireside Chats with non US Enforcers’ a Washington durante l’ABA (American Bar association) Spring Meeting 2019, al quale hanno partecipato oltre 3.300 persone. “L’emersione della digitale ha creato nuove sfide per l’enforcement antitrust –ha tra l’altro fatto notare Muscolo – ed è diventata una delle priorità dell’AGCM. Autorità come l’Antitrust, che hanno la doppia competenza della e della tutela del , sono quelle meglio posizionate per affrontare questo tipo di nuove problematiche”.

E tra le nuove prove da affrontare nella economia digitale basata sui dati, ha ancora sottolineato la presidente facente funzioni dell’Antitrust, “ c’è quella di trovare un tra la tutela della concorrenza, nell’interesse ultimo dei , con il bisogno di salvaguardare gli a innovare”.

“L’AGCM–ha proseguito- si trova a fronteggiare problematiche anche di natura transnazionale, che richiedono inevitabilmente la tra Autorità sia nell’ambito della rete europea che su scala mondiale”

Proprio per fornirsi di una cassetta degli attrezzi il più possibile completa, al passo con l’evoluzione tecnologica e digitale e con il conseguente evolversi del mercato, Muscolo ha ricordato che “l’Agcm ha avviato una conoscitiva, insieme al per la e ad AgCom, che intende valutare in quali circostanze l’accesso ai big data può costituire una barriera all’entrata o facilitare condotte anticoncorrenziali che possono ostacolare lo sviluppo e il progresso tecnologico”.

Fonte
AGCM