34.000 casi di morbillo segnalati in Europa

Tempo di lettura: 2 minuti

Il bilancio delle tra 34.300 casi segnalati in 42 paesi nella regione europea dell’OMS ha raggiunto 13, e il virus ha ucciso persone in Ucraina, che soffre di un’epidemia di morbillo, così come in Romania e Albania. Il rischio è che le epidemie continuino a diffondersi, ha avvertito l’organizzazione. Più di 34.000 persone in tutta Europa hanno contratto il morbillo nei primi due mesi del 2019, e la stragrande maggioranza dei casi si è verificata in Ucraina, ha detto l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sollecitando le autorità a garantire che le persone vulnerabili farsi vaccinare.

“Se c’è una risposta tempestiva e completa, il virus si romperà tra le persone più vulnerabili, la diffusione ad altri paesi all’interno e all’esterno della regione”, che ha detto in un comunicato. “Dobbiamo cogliere ogni occasione per vaccinare i bambini, gli adolescenti e gli adulti suscettibili”.

Il morbillo è una altamente contagiosa che può uccidere e causare cecità, sordità o danni cerebrali. Può essere prevenuta con due dosi di un , ma anche a causa di persone non vaccinate, ci sono epidemie in molte parti del mondo, inclusi gli Stati Uniti, Filippine e Tailandia.

In Europa, la maggior parte dei casi di morbillo finora nel 2019 sono in Ucraina, che ha registrato più di 25.000 infettati nei primi due mesi dell’anno.

Non esiste un trattamento antivirale specifico per il morbillo e la è l’unico modo per prevenirlo, ha affermato l’OMS. La maggior parte dei casi si verifica in persone non vaccinate.

L’OMS ha invitato le autorità sanitarie nazionali della regione a concentrare i propri sforzi per garantire che tutti i gruppi di popolazione abbiano accesso ai .

“L’impatto sulla continuerà finché non saranno controllati i focolai in corso”, ha detto l’agenzia, aggiungendo che le autorità sanitarie dovrebbero “identificare coloro che sono stati persi in passato e raggiungerli con i vaccini di cui hanno bisogno. “.

Un rapporto del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) pubblicato lo scorso mese ha rilevato che oltre 20 milioni di bambini non sono stati vaccinati contro il morbillo in tutto il mondo negli ultimi otto anni, il che ha gettato le basi per l’attuale focolai.

Fonte
eluniverso.com