2020 Cannondale SuperSix Evo

La precedente SuperSix Evo era già di suo leggera e rigida, ma secondo diversi poco veloce rispetto alla concorrenza che avanza a passo spedito. In effetti nella galleria del vento è stato dimostrato che i tubi rotondi, a lungo favoriti dal SuperSix Evo, erano più buoni per l’efficienza strutturale, piuttosto per ‘tagliare il vento’. La Cannondale ha iniziato nel studiare un nuovo tipo di telaio, con nuove forme troncate del tubo alare per raggiungere il 30% in meno di resistenza, rispetto ai tubi arrotondati della vecchia bici.

La Cannondale ha affermato, durante la conferenza stampa di presentazione, che l’attuale ‘terza’ generazione del SuperSix Evo mixa leggerezza, rigidezza e aerodinamicità.

Cosa c’è di nuovo in questa Supersix Evo? Prima di tutto il telaio, poi il reggisella in carbonio Knot 27 a profilo aerodinamico, una barra e gambo integrato Hollowgram SAVE SystemBar a basso profilo ed un passaggio cavi completamente interno. In totale, dicono in Cannondale, il nuovo SuperSix richiede circa 30 W in meno di sforzo per mantenere una velocità di 48,3 km / h (30 mph) rispetto al modello in uscita.

Secondo i test di Cannondale, un su una Trek Emonda dovrà eseguire oltre 40 watt in più alla stessa velocità, mentre qualcuno su una nuova BMC Roadmachine dovrà trovare altri 23W in più rispetto a qualcuno su un nuovo SuperSix Evo.

Ancora più interessante, tuttavia, è che Cannondale sta addirittura rivendicando scarti di prestazioni piuttosto considerevoli rispetto al Cervelo R5 e alla Specialized Tarmac SL6, anch’essi aerodinamici, con rispettivamente circa 12 W e 9 W di vantaggio.

Come sempre, però, ci sono alcuni dettagli da approfondire. Cannondale ha condotto questi test nella galleria del vento a bassa velocità a San Diego, in California, utilizzando biciclette complete di dimensioni comparabili e gruppi Shimano Dura-Ace Di2 identici, ma con variazioni di ruote, pneumatici e componenti del cockpit in base alle specifiche del produttore.

Di tutte le bici testate dalla Cannondale, solo il SuperSix Evo era equipaggiato con obiettivo sull’aerodinamica.

C’è anche il problema della velocità testata. Inutile dire che pochi di noi sono capaci di raggiungere velocità di 48,3 km / h , su base giornaliera, e dato che la resistenza aerodinamica aumenta esponenzialmente con la velocità, le differenze nel mondo reale saranno sostanzialmente inferiori in termini di watt salvati.

Dal punto di vista del peso, Cannondale afferma che la versione Hi-Mod Disc di alta gamma punta le bilance a 866 g su un telaio di taglia 56 cm verniciato, più un altro 389 g per la forcella corrispondente.

Il reggisella, brevettato, ne aggiunge altri 162 g. Lo standard SuperSix Evo Disc – che è costruito con una miscela meno avanzata di fibra di carbonio – arriva a 999g, 436g e 162g per le stesse specifiche.

Noi vi possiamo dire che le bici con i freni a disco sono più pese di quella senza, quindi siamo convinti che alla fine, gli amatori punteranno il loro portafogli sulle bici senza disco. Il peso dichiarato per il SuperSix Evo Rim è 976 g per un telaio verniciato da 56 cm, più 368 g per la forcella e lo stesso 162 g per il reggisella.

Il nuovo telaio ha meno misure rispetto al precedente ed a sentire i colleghi che testano bici di numerosi marchi, la regola è che i ciclisti più grandi possono trarre vantaggio da bici con una maneggevolezza più veloce, mentre i ciclisti più corti hanno bisogno di maggiore stabilità. Tradotto in numeri il telaio della nuova SuperSix Evo varia considerevolmente in tutta la gamma di dimensioni, da 73 mm su 44 cm, fino a 54 mm su quella da 63 cm.

La Cannondale ha riferito che la nuova generazione del Supersix Evo potrà montare copertoni di max 30mm, lasciando spazio di 6mm intorno. Questo vuol dire che, secondo l’azienda, puoi allontanarti dalla strada per entrare sugli sterrati (???), ma per diversi colleghi è ben lontana dal essere considerata una gravel come la Synapse SE o la Topstone Carbon, soprattutto perché la rigidità del telaio Supersix Evo non è paragonabile minimamente a quel tipo di bici.

Parlando di movimento centrale, Cannondale ha tolto il cuscinetto BB30 montando il PF30a asimmetrico e tazze press-fit – probabilmente perché il guscio carbonio nudo non richiede inserti in alluminio bonded-in.

Nei modelli di fascia alta, il movimento centrale monta un misuratore di potenza con corona Power2Max. L’attivazione però ha un costo a carico del ciclista.

I product manager di Cannondale hanno preso alcune decisioni in termini di marketing, ovvero la bici aerodinamica SystemSix è considerata il top di gamma per la corsa, il SuperSix Evo è invece un tuttofare (???).

Ogni modello è equipaggiato con corone semi-compatte 52 / 36T e cassette sorprendentemente ampie: 11-30T sul modello di punta e rapporti 11-32T su alcuni modelli meno costosi.

I modelli equipaggiati con i copertoncini in carbonio Hollowgram di Cannondale saranno dotati di un sensore di velocità wireless anteriore personalizzato. Sviluppato in collaborazione con Garmin, è progettato per funzionare con qualsiasi computer compatibili ANT + / BLE o come bit standalone in grado di archiviare, e successivamente caricare, i parametri di guida di base sulla propria app per smartphone di Cannondale.

La nuova serie SuperSix Evo 2020 comprende 11 modelli, di cui nove sono con freni a disco e due con freni standard.

Le prime impressioni

Il giro è stato funestato dalla pioggia, pertanto aspettiamo di averne una in prova per fare un lavoro più approfondito. Quindi l’impressione è di avere una bici abbastanza rigida, nel vero senso della parola. Le asperità del terreno si sentono sul telaio e nella schiena.

Per esperienza, montare i copertoncini 28 e 30 hanno un rotolamento peggiore rispetto ai 25. Quindi valutate bene cosa fate con questa bici e dove andate, altrimenti consigliamo un modello differente. Ad esempio per il misto strada/sterrato c’è la più comoda Synapse anche in versione SE.

La configurazione integrata del manubrio, nelle versioni alta gamma, potrebbero lasciare sconcertati i neofiti del classico, ma qui si parla di bici aerodinamica.

A questo punto, molti di voi avranno sicuramente notato molte somiglianze tra lo Specialized Tarmac SL6 ed il BMC Teammachine. Entrambi hanno profili simili con foderi alti ribassati e tubi superiori inclinati ed hanno scatole di derivazione Di2 in posizioni quasi identiche, supporti inferiori di PressFit 30 ed altro ancora.

L’idea di questo tipo di telai è vecchia, proviene dalla Scott con la Foil (2010) che oggi si chiama Addict (2020).

 

————

Alcune note negative sulla terza generazione della SUPERSIX EVO.

Il tubo sella, in carbonio, scivola nella sua sede.
La scritta sul telaio ‘SupersixEvo’ si toglie grattandola con le unghia.
La plastica sul piantone sterzo scricchiola e sembra poco resistente.
Il percorso del montaggio dei cavi sembra piuttosto contorto.
I copertoni Vittoria si forano facilmente. Meglio sostituirli subito.
I nuovi cerchi Hollowgram 45 fanno da vela quando c’è vento laterale.

————–

Questi i prezzi in USA.

SuperSix EVO Hi-Mod Dura-Ace Disc Di2 – AU $ 12,999 : telaio in carbonio Hi-Mod BallisTec, gruppo Shimano Dura-Ace 9170 Di2, manovelle HollowGram SiSL2, PowerMax NG Eco (non attivato), corone FSA Vision 52/36, HollowGram SAVE System Bar, gambo in lega HollowGram KNØT, reggisella HollowGram KNØT SL 27 in carbonio, ruote HollowGram 45 SL KNØT, copertoncini Vittoria Corsa 25c.

SuperSix EVO Hi-Mod Ultegra Disc Di2 – AU $ 9,999: telaio in carbonio Hi-Mod BallisTec, gruppo Shimano Ultegra 8070 Di2, manovelle HollowGram, PowerMax NG Eco powermeter (non attivato), corone FSA 52/36, barra di sistema HollowGram SAVE, HollowGram KNØT stelo in lega, reggisella HollowGram KNØT SL 27 in carbonio, ruote HollowGram 45 SL KNØT, copertoncini Vittoria Corsa 25c.

Disco SuperSix EVO Carbon Force eTap AXS – AU $ 7,499: telaio in carbonio BallisTec, gruppo SRAM Force eTap AXS, guarnitura Force eTap, barra del sistema HollowGram SAVE, gambo in lega HollowGram KNØT, reggisella in carbonio HollowGram KNØT SL 27, set ruote HollowGram 35, Vittoria Rubino Pro 25c pneumatici.

Disco SuperSix EVO Carbon Ultegra – AU $ 4,999: telaio in carbonio BallisTec, gruppo Shimano Ultegra 8020, guarnizioni in lega Cannondale 1, corone FSA 52/36, barra in lega Cannondale 2, gambo in lega Cannondale 2, reggisella in lega HollowGram KNØT 27, set ruote HollowGram 35, Vittoria Pneumatici Rubino Pro 25c.

SuperSix EVO Carbon Ultegra 2 – AU $ 3,999: telaio in carbonio BallisTec, gruppo Shimano Ultegra 8000, manovelle in lega Cannondale 1, corone FSA 52/36, barra in lega Cannondale 3, gambo in lega Cannondale 3, reggisella in lega HollowGram KNØT 27, set ruote Fulcrum Racing 500, Pneumatici Vittoria Zafiro Pro Slick 25c.

Disco SuperSix EVO Carbon 105 – AU $ 3,899 : telaio in carbonio BallisTec, gruppo Shimano 105 7020, guarnizioni Cannondale 1 in lega, corone FSA 52/36, barra in lega Cannondale 3, gambo in lega Cannondale 3, reggisella in lega HollowGram KNØT 27, ruote Fulcrum Racing 900DB, Pneumatici Vittoria Zafiro Pro Slick 25c.

SuperSix EVO Carbon 105 – AU $ 3,399 : telaio in carbonio BallisTec, gruppo Shimano 105 7000, guarnizioni in lega Cannondale 1, corone FSA 52/36, barra in lega Cannondale 3, gambo in lega Cannondale 3, reggisella in lega HollowGram KNØT 27, set ruote Fulcrum Racing 900, Vittoria Pneumatici Zafiro Pro Slick 25c.

Fonte
Jhonson Frang