WORLD, FAIRTRADE: VENDITE IN AUMENTO; BANANE VALGONO OLTRE 23 MLN EURO

La domanda di prodotti alimentari con marchio Fairtrade è in continua ascesa in Austria (+21%).
Il commercio equo solidale ha l’obiettivo di promuovere il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro dei produttori in Africa, Asia e America Latina.
I prodotti Fairtrade corrispondono a criteri unitari e validi a livello internazionale, fra i quali: i prezzi minimi garantiti, un’economia sostenibile e rispettosa dell’ambiente, il divieto di lavoro minorile e di lavoro forzato, come anche il divieto di impiegare organismi geneticamente modificati o di agenti chimici per fertilizzare il terreno.
Al primo posto si trovano le banane con un fatturato di 23,4 mln. di Euro nel 2010, seguite da caffè (17,5 mln.Euro), cioccolato (16,8 mln.), succhi di frutta (10,2 mln.Euro) e fiori.
Oltre ai prodotti alimentari, numerosi altri articoli riscuotono un grande successo (ad esempio i palloni da calcio).
I consumatori austriaci danno sempre più valore ai prodotti del commercio equo e solidale provenienti da Asia, Africa e America Latina.
Per tale motivo, vari supermercati ampliano il loro assortimento di prodotti Fairtrade; nel 2010 è stato registrato un fatturato totale di prodotti Fairtrade di 87 milioni di Euro in Austria, su un totale nel mondo stimato in 1,17 miliardi di Sterline. L’organizzazione conta di arrivare nel 2012 a vendite nel mondo per un fatturato di 2 miliardi di sterline, vista la crescente consapevolezza dei consumatori, per molti dei quali la prima scelta è acquistare prodotti a chilometri zero, mettendo subito dopo per priorità i prodotti equosolidali.
(ICE VIENNA)

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 09/04/2011. Filed under AMBIENTE, ECONOMIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login