USA, Mutui subprime. Radiazione e multa per ex trader

La radiazione per due anni dal mondo della finanza e una multa di 400.000 dollari. Sono questi i dettagli di un patteggiamento siglato tra la Securities and Exchange Commission e un ex trader di Goldman Sachs. Edwin Chin e’ accusato dalla Consob americana di avere fuorviato gli investitori obbligandoli a pagare piu’ del dovuto. L’uomo, all’epoca dei fatti a capo del trading di bond garantiti da mutui residenziali, ha generato guadagni extra per la banca nascondendo il prezzo a cui il gruppo aveva acquistato le cosiddette residential mortgage-backed securities (rmbs), poi rivendute a un prezzo piu’ alto ai consumatori.

La differenza e’ finita nelle casse dell’istituto di credito. Altre volte, spiega una nota della Sec, Chin ha fuorviato i clienti dicendo loro che aveva negoziato transazioni tra consumatori quando invece si era limitato a vendere rmbs di cui Goldman disponeva. Siccome il mercato di rmbs e’ over the counter, chi compra e chi vende si affida ai dealer per ottenere informazioni sui prezzi.

“Gli investitori che acquistano questi prodotti si fidano dell’onesta’ dei dealer sul prezzo”, ha dichiarato Michael J. Osnato, della Sec. “Chin ha ripetutamente abusato del suo dovere all’onesta’ nel trasmettere informazioni di mercato in modo tale da aumentare i profitti per Goldman e, indirettamente, il suo compenso”, ha aggiunto.

Il suo comportamento controverso e’ iniziato nel 2010 ed e’ continuato fino al dicembre 2012, quando ha lasciato la banca in cui era arrivato nel settembre del 2003. Senza ammettere o negare alcuna colpevolezza, Chin ha accettato l’intesa con l’autorita’ di Borsa Usa.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 05/09/2016. Filed under ARCHIVIO, ECONOMIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login