AMBIENTE ARCHIVIO 

U.E. – Consumi da fonti rinnovabili. Italia terza dopo Germania e Francia

Lo studio del Gestore servizi energetici (Gse) “Fonti Rinnovabili in Italia e in Europa, verso gli obiettivi al 2020?, che riporta le statistiche complete per il 2016, del settore green a livello europeo, evidenzia l’ottimo posizionamento dell’Italia a molti Paesi Ue in termini di utilizzo delle fonti rinnovabili: «L’Italia è il terzo Paese in Europa per consumi energetici alimentati da fonti rinnovabili e rappresenta circa l’11% di tutta l’energia da fonte rinnovabile consumata nell’Unione Europea – dice il Gse – Rispetto a una media dell’Europa a 28 del 17,04%, il nostro Paese ha una quota complessiva di consumi energetici da rinnovabili pari al 17,41%.

Nel settore elettrico tale quota ammonta al 34,01%, quasi 5 punti percentuali in più rispetto al 29,60% della media europea, mentre negli altri settori i risultati conseguiti sono allineati con la Ue: 18,88% nel settore termico e 7,24% nel settore dei trasporti rispetto ai valori medi europei del 19,06% e del 7,13%».

Se invece si guarda all’evoluzione registrata nel periodo 2005-2016, il rapporto sottolinea che «La Germania è, in termini assoluti, il Paese che ha aumentato di più i consumi da fonti rinnovabili, incrementandoli di 18,1 Mtep. L’Italia, che con un incremento di 10,4 Mtep è al secondo posto della classifica a pari merito con la Gran Bretagna, ha raddoppiato in undici anni i propri consumi di energia “green” portandoli dai 10,7 Mtep del 2005 ai 21,1 Mtep del 2016. Ciò significa, in termini percentuali, che su un consumo complessivo europeo di 195 Mtep di energia da fonti rinnovabili, l’Italia rappresenta circa l’11%: una percentuale che pone il nostro Paese al terzo posto nella classifica dei consumi da FER dopo Germania e Francia e prima del Regno Unito. Se si guarda invece ai consumi complessivi di energia (anche da fonte fossile), il nostro Paese risulta al quarto posto coprendo il 10,6% del totale europeo». Inoltre, nello studio si legge che «Da sole Germania, Francia, Regno Unito e Italia coprono oltre la metà dei consumi complessivi dell’Europa a 28».

Il secondo studio pubblicato dal Gse, “Città sostenibili: buone pratiche nel mondo” parte dal presupposto che «i centri urbani possano e debbano giocare un ruolo da protagonisti per il perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, così come indicato nell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. Una consapevolezza derivante dal fatto che nei centri urbani si concentra l’80% delle attività economiche globali e, di conseguenza, la maggior parte delle emissioni climalteranti».

Lo studio individua alcune buone pratiche ed esperienze virtuose sperimentate in città del mondo di differenti dimensioni, condizioni e localizzazioni, potenzialmente applicabili anche ad altri centri urbani.

Tra le città analizzate c’è anche Milano, «vincitrice dell’Eurocities Award nel 2015 – ricorda il Gse – grazie a progetti come l’Area C, una nuova linea della metropolitana e il Pass Mobility, che hanno consentito di ridurre l’uso dell’auto privata del 30%», E’ invece la svizzera Zurigo che nel 2016 ad essere prima nel 2016 nel Sustainable Cities Index relativo alle buone pratiche di sostenibilità urbana, soprattutto in tema di riduzione delle emission,
La belga Anversa ha invece avviato il Market Place Mobility, per decongestionare il traffico attorno al secondo porto più grande d’Europa.

La capitale francese Parigi, che nel 2015 ha ospitato la Cop21 Unfccc, sta puntando molto sulla mobilità elettrica, anche attraverso piani di aiuti per i taxi, e fondi di garanzia per sostenere la bancabilità di progetti nel comparto dello sviluppo sostenibile.

(Da Greenreport del 02/03/2018)

Related posts