[Toscana] Saccardi: ha 14 case, ma vive in alloggio sociale della Diocesi (Vero o falso?)

Stefania Saccardi è finita al centro di uno scandalo relativo proprio all’alloggio in cui vive. L’assessore regionale, renziana di ferro, abita infatti in un’abitazione della diocesi di Firenze, pagando un canone calmierato. E’ una formula relativa ai progetti di housing sociale, che dovrebbero essere destinati a famiglie in emergenza abitativa e con difficoltà economiche. La situazione della Saccardi è invece l’opposto: risulta infatti essere proprietaria o comproprietaria di almeno 14 immobili. Come se non bastasse, ciliegina sulla torta, il responsabile del patrimonio immobiliare dell’istituto sostentamento del clero, e conseguentemente di questa assegnazione anomala, è Siomne Saccardi, fratello dell’assessore alla casa.

Uno scandalo intollerabile, che si aggrava se si pensa alle attuali condizioni dell’abitare in Toscana, in cui la Saccardi ha grosse responsabilità. Con la sua legge regionale del 2015, fra le altre cose, fu aumentato il canone di affitto per gli inquilini ERP a reddito minimo e furono inseriti criteri molto più restrittivi per mantenere il diritto alla casa popolare. Ma la cosa più devastante fu la cancellazione del punteggio per lo sfratto dai criteri del bando ERP, per passare a una gestione totalmente emergenziale e destrutturata dell’emergenza abitativa. Gli effetti li vediamo tutt’ora: aumento degli sfratti, assenza di soluzioni dignitose, incremento delle albergazioni e delle altre proposte costosissime ma inefficaci. Nel frattempo sembra che la Saccardi abbia in cantiere una nuova legge sulla casa, probabilmente nella scia della precedente.

“L’abitazione in cui risiede l’assessore” ha spiegato Donzelli “è di proprietà dell’Istituto di Sostentamento del Clero della Diocesi di Firenze”, ma come ha spiegato Donzelli “sul sito della Regione l’assessore Saccardi risulta proprietaria di un solo immobile a Gavorrano”.
Falso, secondo le visure catastali in possesso del capogruppo di Fratelli d’Italia, che accertano le varie proprietà dell’assessore, con oltre dieci immobili tra Firenze e Campi Bisenzio. Inoltre, l’Istituto di Sostentamento del Clero della Diocesi di Firenze riceverebbe alcuni finanziamenti proprio dalla Regione Toscana.

Immediata la replica dell’assessore Saccardi che, nonostante non avesse risposto all’interrogazione, è tornata in aula cercando di dare una spiegazione.

“Ho preso, una decina di anni fa, in locazione un immobile dall’istituto diocesano, per il quale facevo il legale” ha spiegato, nascondendo a fatica l’imbarazzo.

“La formula contrattuale prevedeva che io avrei sostenuto in proprio le spese di ristrutturazione, perchè l’istituto non aveva i fondi sufficienti. Ho anticipato 200 mila euro. L’entità del canone – chiarisce – va di pari passo col fatto che avevo sostenuto queste spese. Su un immobile che era praticamente una stalla”.

Il contratto, spiega in aula l’assessore, “scadrà fra 4 o 5 anni”. “Poi- assicura- verrà pagato un canone di mercato, se decideranno di confermarmi l’affitto”.

C’e’, poi, la questione degli appartamenti e dei garage di proprietà per un totale di 1.264 metri quadrati.

“Li ho ricevuti in eredità da mio padre- ribatte l’assessore alla Salute -. Sono in comproprietà coi miei fratelli, e non ci percepisco un euro. Questo è il motivo, per il quale non li ho dichiarati”. L’usufrutto, in effetti, “ce lo ha mia mamma e su questo paga regolarmente le tasse. Mentre, ne’ io ne’ i miei fratelli incameriamo alcun reddito”. Ma dalle visure catastali invece emerge la rendita degli appartamenti di cui l’assessore è in parte proprietario.

Una vicenda ancora oscura, e tutta da chiarire, sicuramente una questione d’opportunità mancata per un politico di primo piano come l’assessore Saccardi. Che non finisce qui.

Fonti:
http://www.ilsitodifirenze.it/content/755-affittopoli-toscana-donzelli-fdi-assessore-saccardi-vive-casa-della-chiesa-e-non-dichiar

Toscana, “assessore Pd Saccardi ha 14 immobili ma vive in una casa della Chiesa”

Scandalo Saccardi: ha 14 case, ma vive in alloggio sociale

Shortlink:

Condividere Articolo

Passare con il mouse sul banner e attendere che esca un elenco; cliccare poi sull'icona del social net che riteniamo più opportuno divulgare la notizia ed seguire la procedura richiesta.
Bookmark and Share
Posted by on 25/10/2017. Filed under ARCHIVIO, ATTUALITA'. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

You must be logged in to post a comment Login